Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/17

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
17
PRIMMO.

Io tanno volea dire pe resposta,
Ca non me curo de m’addottorare,
Ecco lo Magagnate pe la posta,
E corzemo dov’era à scravaccare;
Ca portaie ad Apollo na composta
Che pe parte d’agresta (ò cose rare)
Nc’erano a la spagnola le chitarre,
Li carosielle, le scoppette, e smarre.
Apollo l’appe a caro, ed’ ordenaie
Che stanzia, stramma, e lietto se le desse
E la bella composta se stipaie
Pe quanno quarche musa prena scesse;
Pò se sedette à tavola, e magnaie
Gran cose, ma fra l’autre certe allesse
Dinto li maccarune mmottonate,
Che lo Coccaio haveva cocenate.
E mentre isso le deta se liccava,
E mmocca autre faceano spotazzella,
La Serena de Napole cantava
De Contrauto na brava Villanella,
Nò cierto Giallonardo le sonava
L’Arpa, ch’isso accacciaie famosa, e bella;
E pe fare conzierto assaie cchiù tunno
Sonanie lo colascione compà Iunno.

CAN-