Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/16

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
16
CANTO

E facettero tante gran fracasse,
E tale fummo co le beffe, e biento,
Che chille vozzacchiune babuasse
Cresero cierto quarche trademiento,
O cadesse lo Cielo, e le shiaccasse,
De tale sciorte, che non iove agniento,
E de paura tutte se cacaro,
E pè chella montagna vrociolaro.
E commo quanno chiove, na gran lava
Aruole, e prete vrociola, e roina,
Cossì mentre sta gente vrociolava
Appriesso ogne montagna se strascina,
Che de manera tale le bottava,
Che cadettero tutte à la Marina,
E bive s’atterraro à chello muollo,
E stanno mò cò le montagne ncuollo.
Ma lò Sommiero che chesto causaie,
Ch’è chisto (commo vide) ccà presente,
Giove da lo pericolo sarvaie,
E lo facette poeta valente,
Le dio le scelle, e subbeto volaie,
Dapò che l’happe fatto la patente,
Che pozza li Poete addottorare,
E comm’haie visto poemme sfornare.
S’havisse voglia farete Dottore
De li poete che stanno Nparnaso,
Pe fare vierze à tutte quante l’hore,
E da coppa, e da vascio, e forte, e adaso,
Se vuoie ch’isso te nnauze, e faccia nore,
Dalle sotta la coda quarche baso,
Ma singhe accuorto frate, e stamme attiento
Nò auzare vela quanno shioshia viento.

Io