Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/11

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
11
PRIMMO.

Llà tù vide na Rosa moscatella,
Che mmiezo ncè nasciuto no cetrulo,
Llà bide c’à na Fico troianella
Nce sponta a corneciello lo fasulo:
Vide da na Lattuca mortarella
Scire la Falanghina de Pezzulo,
E da no Milo shivoccolo, ò Amarena,
Pezze de caso cchiù ca n’è l’arena.
Spallere hà de cocozze, e molegnane,
Pregole de Cetrola, e de Cepolle,
Quatre de mercolella, e maiorane,
Conzierte de vorracce, e fogliamolle,
Pe mmiezo no gran fruscio de fontane,
Che d’ogne banna l’acqua scorre, e bolle,
Una tra l’autre ncè de forza granne,
Che pe tre Mascarune l’acqua spanne.
De tutte tre me fece abbeverare,
Azzò de tre manere io me potesse
A la quintana corere, e provare
Co tutte li Poete, e Poetesse,
O acque spotestare, ò acque rare,
Acque de gran vertù (chi lo credesse?)
Che subbeto stampato novamente
Fuie no Poeta lubreco azzellente.
Eccote ciento mò griece, e latine,
Ciento ceciliane, e provenzale,
Vecco ciento masaute shiorentine,
Che cauzano ad Apollo li stivale,
Mbrosoliaro cchiù de tre matine,
Ca sta grazia, c’haviette, happero a male,
Decenno che trà lloro entre ndozzana
N’hommo de Puorto, è cosa troppo strana.

Ma
A 6