Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
12
CANTO

}

Ma de chesso se corzero lo Tasso,
Lo Cariceo, lo Rota, e lo Tansillo,
E Sannazaro fece gran fracasso,
Ch’à fare à punia, ncè mancaie tantillo,
Io co sta spalla subbeto me lasso,
E dico, eilà se bè so peccerillo,
Haggio armo de no granne, e pe natura
Maie de nullo valente appe paura.
Co lecientia d’Apollo a stò paiese
Po vevere chi vole allegramente
O Spagnuolo, ò Todisco, ò sia Franzese,
Vasta che sia de miereto, e balente,
Ca lo Sommiero ch’à fare se mese
Chest’acqua de vertù tant’azzellente,
Pe tutte voze fare la fontana,
No schitto pe la Grezia, e pe Toscana.
Le Muse vanno dove sò chiammate,
Ca nò stanno co buie co lo strommiento,
E quanta vote a me se sò nzeccate
Cose hanno fatto lustre comm’argiento;
Le parole de Napole mpastate
Non songo frate mio d’oro pommiento,
Ma de zuccaro e mele, e famma vola
Se fanno a tutte lengue cannarola.
Ma ca non fosse niente quanto dico,
Mentre che Apollo l’have pe male,
Ed’have gusto, e sta buono cò mmico,
Perche facite vuie de lo fiscale?
Co le chellete vostre io non me ntrico,
Nè nc’haggio che spartire manco sale,
Io scrivo commo parlo, e la fortuna
Pò portare a me puro fi à la Luna.

Siano