Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/77

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
67
“Addio, mia bella Napoli!„

MARY

Non ve lo dicevo io, in quest* ultimo tempo, no ?

CARLO

Che me diciveve ?... Che me diciveve ?...

MARY

Che saremmo giunti a questo, Carlo !

CARLO

E nun ’o sapevo pur’io, no? Tre mise, nun l'aggio penzato sempe, no ? Dalla mattina dopo che siete venuta e che presi il tram a Posillipo per andare alT ufficio...

MARY careuosa.

...Vi vidi dalia finestra...

CARLO

...dalla mattina dopo penzaie: chest* è venuta pe scombussola tutta la vita miat... (Pausa).

MARY mestamente.

Che significa ?...

CARLO ...’O ssacc* ì che significa !

MARY

Ho capito: farvi soffrire? E che ne saprete di me voi !...

CARLO

lo nun aggio parlato mai I La mia condizione, la vostra... eh! sii Era impossibile solamente penzarci!... Che ne saprò di voi ? Forse mi scriverete qualche lettera lunga, espansiva... Parlerete di me, di Posillipo, di Napoli... Poi ne verrà un’altra più breve, più fredda...

E finirà I (Un lungo silenzio).