Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/76

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
66
“Addio, mia bella Napoli!„

CARLO concitalo, sconnesso.

...So1 venuto stasera. Che me succede a me... Dimane nun ve veco... nun ce vengo... IO...' (S'allontana, torna. A irrequieto).

MARY

E a me ?... Che mi succede a me ?... Dicevo, passerà... avete capito ?... Pensavo: mi piace perchè è napoletano... è buono, sincero... canta, sogna... Ma mi passerà... Ecco... (GK toglie la paglia di mano).

CARLO c. ».

E nun è passato ? E non è (ernuto ?

MARY lo carezza cen lo sguardo.

Per VOÌ SÌ... Per voi finirà. (Va a sinistra, siede sul poggic di pietra e costringe a sedere Carlo, mettendogli una mano sulla spalla)

Dove siete stato stasera >

CARLO additando il giardino. Uà forai... MARY Nel giardino ?... CARLO Sii MARY Tutta la sera ) CARLO Sii MARY E domani sera? CARLO

Uà fora... (Pauu).