Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/73

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
63
“Addio, mia bella Napoli!„

MATILDE

E abbiamo un poco esagerato ( Sissignore, Napoli, il mare, il cielo, Posillipo, ma il costrutto ? Uno finisce che se ne secca... Beata voi, che potete viaggia, figlia mia. Mo ve n* andate in America. Tanta belli palazze... Nu sacco di cose... Quant'è bella l'America !...

MARY

Siete tanto buona voi !

BIANCA

Certo non è Napoli... ma...

ONDINA rideado.

E allora fosse buono che Miss prendesse questo pezzo di Posillipo, col mare, e col cielo e se lo portasse con lei a bordo I

MATILDE enipffili per T QtdU inopportuna.

Non la date retta, signori (A Ondina) Ah! Quella mamma perchè non te Io scioglieva l’ombellico ?

MARY

...Potessi fallo, io !...

MISTER e IL NONNO vociano preso il tavolo.

IL NONNO

Ma ricordatevi che sodo stato il vostro maestro di scopa !

MISTER a commuove.

Spero rivedervi... amico, signore...

IL NONNO

...In paradiso... Milord I (Come per dire: mo Unto vecchio I) E addio scupella, fuor* a terrazza... dopo mangiato 1

Quc*t’ è P ultima sera.