Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/72

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
62
“Addio, mia bella Napoli!„

BIANCA

Mammà quanto sei scema ! E lo fai capace ’e ce lascia a tutti quanti ?

MATILDE

No, chillo parlava d’aprire un commercio cu tutte nuie ate. Aggio ditto: ma che sì pazzo... A vicchiaia jevemo in America !

ONDINA

E pure 'o nonno a 80 anni ? E chillo si succede na cosa pe mare, nun sape nata !... (Ride scioccamente).

MATILDE a Ondina.

Cumme si nzìpeta !

IL NONNO giuocando.

State distratto... Scopa. MISTER Jes...

MARY riviene dalla sinistra. In quel momento passa per Posillipo, un altro gruppo di monelli, rumoroso e vociando.

Piedigrotta ?...

MATILDE a Bianca a baita voce.

Povera figliai (AMary) Cominciano ventiquattrore prima!... Cumme so* seccante!... Figlia mia. E che cosa ve ne importa ! Nu sacco di rumori, nu fracasso...

BIANCA

...Na folla che ti opprime I Gesù, Dio ne liberi !

MARY torride metta.

...Lo dite adesso, per me ! (Carezza Bianca) Me l'hai

così decantata! Ci andate ogni annoi