Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/66

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
56
“Addio, mia bella Napoli!„

potevano essere le cjuattro» c|iiando..< giunse il tele {ramina di vostro padre 1... Noi glielo... dicemmo... >opo poco s’intese male... Ma stasera passava meglio...

MARY

...Scrivetemi, sapete... Vi darò il mio indirizzo.

BIANCA

Vostro padre non ha fatto passare il mese ed ha telegrafato I (Fra Ir Ugrìmr) Jeva ’e pressa, chili’ato !...

MISTER

Fra trenta giorni sposa sua sorella. Avevajno scritto di stare altro mese, domani parte piroscafo. Ed il mese, ecco, è volato I

LA VOCE DEI. VENDITORE DI FICHI D’INDIA

" Muscarellòooone...

’A nu sordo tengo ’e nanasse...

Tengo ’e cunfièeeette... *

IL NONNO

...Chisto, ’a sera, me pare nu tenore... Fa cuncurrenza 'e pusteggiatore d’’a Stella che sta ccà vicino.

MATILDE additando Mary.

...Che scorpacciata se n*ha fatto chella benedetta fi' glia di canzone e ficorinie.

ONDINA un pò allegra.

Lo chiamiamo ?

BIANCA

Mossiti Ghigliome strillò l’altra sera...