Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/62

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
52
“Addio, mia bella Napoli!„

IL NONNO esaminando le fotografie.

...E questo è 'o mellunaro... Il gruppetto di lazzaroni. Santa Lucia... Posillipo... Uh, P Infrascata... dove abitavo con la buonanima di mio padre.

MISTER

Sono tutti qui, vedete... Non c’ è punto di questa Napoli che non portiamo via scolpito qui (Accenna alle

fotografie) 6 CJUÌ (Si balle la fronte).

SCENA 2.*

Detti e Matilde, Mary, Ondina, poi Maddalena.

MARY dalla sinistra, rivolgendosi a Bianca che la segue.

...Stanno lì? (S'avvicina al tavolo, su cui sono, alla rinfusa, carta da musica, canzoni, opuscoli) ...Tutte, tutte le porto via. Le canterò domani notte, per mare, zitto... zitto... nella mia cabina.

MATILDE dalla sinistra, con una borsa da viaggio.

...Ma i credo che non ce vanno qui dentro...

ONDINA segue la madre: ha fra le mani un cappello di pagEa e delle guarnizioni di rose, che nasconde dietro il dorso.

MARY scegliendo le canzoni.

...Luna nova... Scèiaie ...Pusilleco addiruso... Tutte le voglio...

ONDINA a Mary con petulanza.

...Signori.

MARY mettendo da parte un’altra canzone e non badando a Ondina.

...E questa?... questa?... Aspettate... Come fa questa?...