Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/32

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
22
“Addio, mia bella Napoli!„

MISTER a Matilde.

...Jes... Gigante... Celebre .. (Ad Aljonso) ...Potete lasciare, D. Alfonso: domani prendo questo, questo... questo altro... (Mette da parte alcuni quadri).

ALFONSO

Perfettamente » Milord... (Mette in ordine i quadri borbottando con Speniello) ...Sia fatta la volontà di Diol 'E vvote he* 'a ave che fa’ cu gente ca nun se sanno fa' manco ’a croce, e chi so* poi? Paesani I...

(Il gruppo di Ondina, Carlo, Matilde, Mary, Bianca c il Nonno è venuto avanti).

MATILDE a Mary.

...Sta mbrusunianno... L* ha avuto un poco in testa che ho intervenuto io... ma io I’ amicizia accussì la intendo...

ALFONSO t’inchina a Mister, a Mary, non «aiuta gli altri e fa via pel cancello, seguito da Speniello che ride scioccamente.

SCENA 7.*

Detti, meno Alfonso e Speniello.

MARY

Un pò di caffè... Biscotti ?

MATILDE

Grazie. Signorina Miss... (Alle figlie) E allora ci sentiamo la messa delle nove ?... (A Mary) Come volete.

MARY avrà bussato, viene dalla sinistra Maddalena a cui rnaty darà degh ordini. Maddalena ritorna con un ricco vassoio con

tazze di caffi e biscotti che depone sul tavolo. Tutti seggono.