Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/115

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
105
Signorine

SCENA 7.*

Ciociò, Battista, Amalia, Immacolatina e detti.

CIOCIO uscendo, te mani piene di dolci, li mostra ad Alberto ed Affilio e s' avvia verso il terrazzo.

Guè, ’e bbì, 'a cummara m’ ha date ’e pastarelle e corna a te !

BATTISTA seguendolo.

Piano piano Ciociò, nun correre... vEsce per la terrazza: A malia e Immacolatina lo seguono, susurrando qualche parola mentre guardano Attilio).

AMALIA ad Attilio.

Come siete bravo !... Crescete in bellezza...

ALBERTO ad Attilio.

Secondo te io non so’ tipo 'e piglia na passione ?...

ATTILIO

Nun si’ tu... Si* (atto accussì... E viato a ttel Nun te cagna I

ALBERTO un po' toccato.

Ma io nun capisco... Mi tieni in un concetto...

ATTILIO

Per amor di Dio! Tu si’ nu buono guaglione... Ma si* nato pe* ffa’ II’ eterno attor giovine... He ’a pizzica e he a fui... (Piano, con intenzione) ...E a piccerella e mò...

ALBERTO con interesse.

...Se sta ?

ATTILIO

Bona figlia, ma fa pè ttè; tutta fuoco, tutta passione...

Se mena ’e capa...