Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/114

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
104
Signorine

m’ha ditto: — Albè, soffiateme st* occhio, m* è andato na cosa detro —. M’ aggio visto chella faccella vicino, accussì... Nun 1* aggio dato nu muorzo, pecche ce stevano gente ’nnanze... Ha una... una simpatia! E poi lo stesso nome I Idarella 1 Pare comm' uno tremmasse di emozione : Idarella ! Come e dolce...

(Mette in bocca una cioccolatina).

ATTILIO

Chelle so’ ’e ciucculatine che te staie magnanno...

ALBERTO

Atti, ti parlo seriamente. Tu hai avuto delle confidenze con me ed io le ho per te... (Si batte la fronte) Sta ccà... vedi: sta ccà. Tu mo me saie, mi conosci.

ATTILIO

Si’ state sempe nu farfallone...

ALBERTO

Ma mo è finito. Te Io giuro parola d'onore. Sai come si dice ? Qui fu Napoli. Mi ammoglio !

ATTILIO

Albè, vattenne !

ALBERTO

Beh, aggia muri ? E allora ’e n’ atu paro ’e maneche. Ma ti giuro che... vediamo un poco... settembre, ottobre, novembre... Per la line dell* anno...

ATTILIO

...te si’ nuniso a ffa’ ’ammore cu n’ ati quatto femmene !...

ALBERTO

E ma cu* tte nun ce se pò parlà, bellu mio.