Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/113

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
103
Signorine

ALBERTO

Aggio tenuto nu muzzunciello 'e cannela niente indigerente ! Ma inzomma, ce tiene veramente nu penziero cu chesta ?

ATTILIO china ripetutamente il capo. ALBERTO

T( nzure ? iSvolge una cioccolattina e la mangiai.

ATTILIO

Albè, mi vuol bene, *a voglio bene. Mo parlo cu' ’a mamma e feiicenotte.

ALBERTO Mamma ? Sei proprio cotto ?

ATTILIO

È ’o tipo che gshievo trevann’i’... Na guagliona ’e casa, attaccata alla famiglia... (Pauia).

ALBERTO

Beh, Atti... io adesso te dico na cosa che forse tu

non ci credi (Svolge e mangia un* altra cioccolattina).

ATTILIO

Beh ?

ALBERTO Forse darò anch’ io lo stesso passo ?

ATTILIO lo guarda, dondola la gamba in atto di diffidenza.

Albè, vattenne 1

ALBERTO

Atti, so’ cuotto, ecco. Adesso ri dico pure chi è: Idareila. M’ha fatto perdere la testa... Fore ’a loggia mo