Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/108

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
98
Signorine

*

C IOC'IO «palancando la borni c ixatitfrrulo

‘I nun ce vogl’ ì\ ooli !...’int’’o smaglio... ooh !...

haitista

Pss... pss... No, cummà... E così, no. Fate peggio, cosi

(Tira dalla saccoccia una bacchetta di liquorizia e la dà a C/ortò)

Zitto... andiamo... E’ passato. Hanno scherzato. Zuca. (Agli altri) E* strambo... come tutti i ragazzi di talento.

CIOCIÒ ti t calmato e boi botta.

S... vulev* ì*... all'opera...’e pupe... fora ’a Marina...

BATTISTA

Ha latto tant* ammuina pe* veni da la comare !

CIOCIÒ borbotta.

Nun è overo, vattè...

BAPTISTA agli altri.

lo lo faccio vincere un poco, avete capito... Unico nipote... ’A madre, debole, 'o padre debole... E ’o guaglione è venuto 'nu pucurillo... (Ha lo steuo goto che

aggiunge sempre alla parola: strambo).

AMALIA E adesso 'a cummara 'o porta a piglia na presa ’e

rosolio e na pastorella (Gli poggia una mano sulla spalla, lo carezza, e lo conduce verso la camera a destra).

BATTISTA

Poco liquore, cummà. Chisto ’o guaglione è pure sammuchella. (Tutti s* avviano) Qua è na bellezza I E che bella loggia. Un sito incantevole (Esce sul terrazzo). ALBERTO

Una bellissima veduta I (Fa per uscire sul terrazzo e s’incoa*

tra con Ida).