Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/101

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
91
Signorine

a destra riesce poco dopo (uoti il (rirazzo, mette i ferrettini nel ce*to e riviene in iscena. Tutto ciò durante le seguenti battute di Alberto f d» Rosario).

t ALBERTO a Rosario accennando all'uva.

Me ne date nu poco ?

ROSARIA

Serviteve, Signò.

ALBERTO gustando I' uva.

’O signore sta ’n cielo, lo me chiamino Alberto, p’ ‘e belle figliole connine a tte.

ROSARIA china il capo.

ALBERTO rimette la mano nel cesto e tocca con intenzione il braccio tornito di Rosaria.

Bella guagliona I Vulesse addeventà massariante pe’ fatica ’rcieme cu ttico 1

ROSARIA

Simmele col suo simmele.

ALBERTO insinuante.

Embè... E perchè ? Pare eh’ è ’o primmo ca se sposa ’na campagnola... Bella cumme a tte, però... Dimane Domattina, io, per esempio...

ROSARIA rìde forte, scrollando il capo, allontanandosi.

No... No... Ve spusarrisseve a mine ? ! Vuie che state ricenno ? Vuie a chi vulite arrepassà ? No...

(Rìde).

CARMELA

Tirate. (A Rosaria) Tieni, Rusà (Le dà i soldi) E dimane portarne nu poco d’uva nera.

ROSARIA

Gnorsì (Ride sempre guardando Alberto).