Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/102

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
92
Signorine

CARMELA

Nun te scurdà.

ROSARIA

Gnernò (c. §.) Bon vespero. (Ad /liberto) A vuie pure

SigOÒ fS'indugia sulla soglia, mette l'indice sulla fronte, e gli dice)

Scarpe doppie, cervello SUttile (Ride sempre gaiamente e va via pel fondo).

CARMELA ad Alberto.

Bella figliola, è ove signurì ?

ALBERTO galante, carezzandola E tu ’o specchio nun* ’o tiene, tu ?

CARMELA

’O cruvattino è largo, ’onn’ Albe. (E va via a destra).

SCENA 4.*

Immacolatina, Donn’ Amalia, Ida, Alberto.

IMMACOLATINA Buonasera (Gli dì la mano).

ALBERTO

Come state ? IMMACOLATINA Non c è male. E voi, bene, si vede.

IDA

Buonasera. IMMACOLATINA

Io ero certissima che venivate.