Paggena:Spassatiempo 1875 n.003.djvu/2

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
– 2 –



NO CONSIGLIO A LI PAZZE

Aggio fatto romanze e canzune,
   Elegie, sestine e ballate;
   Aggio scritto pe Conte e Barune
   Abboscaunome.....sische e mazzate!
   Mo pe fare contento a Chiurrazze
   Scrivo, e do sto consiglio a li pazze.
Care amice, anze frate carnale,
   Vuie che state a Miano e ad Averza,
   O presone a quacch’ato spetale,
   Tutte a me, che la capo aggio perza,
   P’ajutarve, ogge state a sentire,
   Si da lloco penzate d’ascire.
Oggennpi tutte quante so frate,
   Ciucce, addotte, prebeje e signure:
   Onne chille che so Deputate
   A sta legge hann’a sta lloro puro,
   E trattanno da vero fratielle,
   Penzarranno pe buie poverielle.
Va, facite no mommoriale
   E mannatelo a Montecitorio
   Co dicenno: Si tutte so eguale
   No bolimmo sta cchiù mpriatorio
   A soffrire tormiente e strapazze,
   Mentre po’ tutte quante so pazze.
Sin’a mmo che non eramo assaje
   Era justo tenerce nzerrate;
   Ogge po cho co ll’aute guaje
   Comm a funge li pazze so nate,
   O ne’ avit’a sarvà da sti male,
   O l’Italia cagnarla a spetale.
Tanta cose vuie avite cagnate
   E tant’ate abolite e distrutte,
   E a li pazze pecchè non pensate,
   Si le llegge so egualé pe tutte?…
   Si è lo vero ca ne’ è libertà,
   Vuie facitece ascire da ccà.
Chillo ha fatto no fruscio a lle Banche,
   Chisto ha acciso lo frate o la sora;
   Nfradetanto so libere e franche,
   Stann’alliere e contiente da fora,
   A la faccia de nuie poverielle
   Nchiuse a echiave co quatto camcielle!


stato a fare canoscere a tutte, li privilegio che appartenevano a li sule Romane.

D. Che ne succedette doppo?
R. Na guerra che fuje chiammata guerra sociale e chesta fuje vinta da li romane.
D. Chi fuje lo capo che vincette sta guerra?
R. Lucio Cornelio Silla. G. Cesare doppo sti fracasse chiammaje a fare parte do lo mperio la sole provincie che n’erano desiderose, lassanno l’autro covernarose comme lloro volevano, seconno le legge greche o proprie.
D. Chi venette oppriesso a Cesare?
R. Ottaviano Austo lo quale spartette la Talia ntra unnece parte, e quatto de cheste formavano lo

Se li pazze che stanno co buje
   So birbante… e lle date pagnotte…
   Pecche po' solamente pe nuje
   Nce so liette de forza e manotte?
   Ma si ascimmo da ccà, vedarrate
   Ca sti pazze so meglio de ll’ate.
De sto senso, e de chisto tenore
   Si na suppreca lesto stennite,
   Ve prommetto a pparola d’annore
   Ca la grazia vuie certo ll’avite,
   E piacere sarrà pe Chiurazze
   Da vedè liberate li pazze.

Cav. Teodoro


L’AMMORE DE COCÒ

Mente stive affacciata nfenesta,
  Caroli, te vedette Cocò.
  Le campane sonajeno a festa
  Ntra sto pietto lo ndinghitindi.
    Mme sentette na sciamma d’ammore
      A sto core pe tte, Carolì.
De lo sole parive cchiù bella;
  Carolì, me pariste na luna;
  Cchiù lucente de sbrenneta stella;
  De Cocò jeró tu la fortuna.
    Me ferette la frezza d’ammore
     Chisto core, nennella, pe tte.
Carolì, si sapisse la notte
  Cchiù non dormo, non trovo arrecietto,
  Ca lo core mme dà certe botte
  Che me fanno zompà da lo lietto.
    Tu lo barzamo sì de sto core,
      Che d’ammore squaquiglia pe tte.
Carolì, non mme dicere no,
  Se non buoje vederme morì:
  Senza te lo scasato Cocò
  Cchiù ccampare non sape accossì.
    Tu lo ssaje ch’è mpazzuto d’ammore
      Chisto core pe tte, Carolì!.

Prof. Raffaele Altavilla


regno de Napole. Doppo paricchie autr’anne, n’autro mperatore chiammato Adriano, facette la Talia ’ndicessette parte chiammannole provincie, quatto de cheste erano lo regno de Napole. La primma de ste quatte so chiammaje Campania e abbracciavi la moderna provincia de Napole, la Terra de Lavoro e na sola parte de lo Prencepato citeriore. La seconna chiammata Sannio abbracciava l’Abbruzze, lo Contado de Molise e lo Prencepato ulteriore aunevano a cheste cierte parte de la Capitanata, e de la Terra de Lavoro. La terza provincia era chiammata Puglia e Calabria e abbracciava la Capitanata, e la Terra d’Otranto. L’urdema la Lucania o li Bruzi e veneva formata da la Basilecata