Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/62

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 57 —

L’ AMOR PURO
SONETTO
T’ amo, o donna, le dissi; e la mia bella
Stupida quasi rimirommi in viso.
Te solo adoro, le soggiunsi; ed ella
Mezzo da burla volsemi un sorriso.
Tu sei la gioia che mia vita abbella,
Tu in terra mi dischiudi il paradiso,
Sciamai con più patetica favella;
Ma in risposta, uno scoppio ebbi di risot
Donna, io non burlo, quasi matto allora
Gridai compreso da furore ardente;
E la fanciulla, ohimè 1 rideva ancora !
Perfida, urlai tutto arrossito in volto,
Io son ricco, ti sposo immantinente;
Più non rise l’iniqua, e mi diè ascolto !
LI QUATTO DB MAGGIO
CANZONE NAPOLETANA.
Cagnammo casa, stateve benef
Mme vene a chiagnere pe lo despietto;
Tutte li spaseme, tutte le ppene,
Tutto l’ammore che tengo mpietto.
Lo ssape l’aria de sto quartiere,
Chisto barcone, sto vico ccà.
Lloco lo ninno de sti penziere
Venea lo jorno a passià 1