Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/63

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 58 —

— 58 —
Lo primmo parpeto de chisto core,
Dint* a sta casa V aggio sentuto,
Che bene a dicere, lo primm ammorr*
A sta fenesta P aggio saputo !
E mmo m* attocca de la lassare,
De jirme a nfrucere, non saccio addò.
Tutto de perdere ogge mme pare,
Pe nfi a lo bbene eh* isso mme vo.
St’ ausanza barbara non saccio quanoo
Vorrà lo cielo farla fenire;
Mmiezo a sta strata pe cchiù de nf anno
Aggio jettate tanta sospire !
Lloco tre giuvene tenea rimpetto
Che l’uocchio doce mme steano a {fa;
E mmo addò vaco, quase a dispietto,
Tre becchie sbriffie mm9 aggio a gnardà !
Ma si pe poco la sciorta cana
Mme fa no ninno trovà Uà attuorno,
Si accorre a rriseco de na terzana,
Mme sto allacciata tutto lo juorno.
£ si lo guitto me piglia ammore,
Tanno de casa voglio cagnà
Quanno accocchiata nzieme a lo core,
Purz) la mano mme portarrà !