Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/54

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 49 —

— 49 —
per voi soli le povere ragazze,
Cui par mille anni di ballar^ uu poco.
Hanno da starsi come tante mazze
per due, tre ore, immobili in un loco t
E poverette, mentre voi latrate,
Sbadigliano... sbadigliano annojafrt
Ombre di Donizzetti e di Bellini,
E voi maestri che vivete ancora,
O Mercadante, o Verdi, o tu Rossini
Cui d’alloro la fronte il genio infiora,
Scotetevi una volta a tanto scempio.
Date, per carità, date un esempio ! !
E voi che dilettar V immaginate,
Serbatelo per voi tanto diletto.
Persuadetevi pure, alme ostinate,
Che con natura non si va a dispetto.
Siate per V avvenire un po* più umani;
Non usurpate quel che spetta ai cani ! !
JUMBA MIA SO FATTA GROSSA
«
CAMORE UNWtU
Mamma mia, so fetta grossa.
Chiù non songo pecoerella,
El’ammaro dint’ a l’ossa
Già mma sento friccecà:
Mamma mia, so grossioella*
lo moie voglio mmaretà.
Comou—Poofe *