Paggena:No turco napolitano.djvu/57

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
55
atto secondo
de criatura. Comme, che bolite da me? Vuie m’avite data la parola!
Felice — Scusate, la figlia vosta non lo vo?
Pasquale — No.
Felice — Embè, spusatevello vuie.
Carluccio — Tu non risponnere, pecchè si no me la sconto co ttico!
Felice — Tu te la scunte co mmico?… va llà, vattenne!
Carluccio — (dopo pausa) — Nfaccia a Carluccio, l'ommo de fierro, tu dice: Va llà… vattenne!… (con mosse)
Felice — Eh! va llà, vattenne!…
Carluccio — Ah, sango!… (per inveire) Già, tu haie ragione, tu non si de Sorriento, e non saie io chi songo…
Felice — Ma me n’addone da la faccia!
Carluccio — D. Pascà, io parlo co buie, e voglio essere risposto da ommo, capite, da ommo! Quanno la figlia vosta non teneva ntenzione de me spusà, non aveva da venì a la casa aissera, non m’aveva fa avvisaà lo Notaro. Io non pozzo scomparì co li compagne mieie. Ogge è Lunedi, si pe tutto Giovedi a sera la figlia vosta non vene a la casa a firmà lo contratto, io vengo ccà e ve faccio no brutto carezziello!
Felice — Ma scusate signor Ommo de fierro…
Carluccio — Quanno parle co me, levete la coppola (Felice esegue poi si covre).
Felice — Voi dovete ragionare, mi pare che vi si è detto che la piccerella non ve vo… sto povero padre che ha da fa? Voi che siete tanto buono, ve ne iate e non ncè penzate chiù; pecchè si no si seguitate a dì carezziello e non carezziello, po essere che site venuto co la capa sana, e ve ne iate co la capa rotta! (Carluccio e Pasquale restano meravigliati)
Carluccio — Dimme na cosa, bello guagliò: e si po fosse, la capa chi me la rompesse.
Felice — Io stesso!
Carluccio — Tu sì no carognone.
Felice — Vattenne, sbruffò!
Carluccio — A me sbruffone! Io non tengo armatura!
Felice — E io manco!
Carluccio — E comme ncè la volimmo fà?
Felice — Alice e pummarole!
Carluccio — Non pazzià!
Felice — No, io non pazzeo! (gli da un forte schiaffo)
Pasquale — (Permettete!)
Carluccio — Seh! m’aie dato ll’aneme de lo piacere!
Felice — M’ha mmustata chella bella faccia!