Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/59

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
57
atto terzo

Barone — Tutto va bene.... e ’e donare che me deve dà Monsignore?

Monsignore — Quelli ve li restituirò appena vendo i miei manoscritti.

Barone (a Carlo) — Che ha da vennero?

Carlo — Certi fondi che tene fora.... Vuie scrivete che pò nco penz’ io a chesto! (Barone va alla scrivania)

Aurelio — Vi ringrazio Baronessa di tutto e vi bacio le mani come madro.

Carlo (a Giulia) — Baronessa tutto è andato bene.

Giulia — Vuie pò mi avete tratta in inganno, pe appuri ’e nutizie.

Carlo — E perciò simme pagliette (a Giacomo) Giacumi va ’a chiammà subito ’e signurine,

Monsignore — Io ho pensato che me voglio ritirà al paese, cu papà è mammà; là faccio un pò d’economia e posso scrivere delle altre opere per lasciarle ai posteri.

Carlo — Fate bene, fate bene! Non private la posterità dei vostri capolavori

SCENA ULTIMA

Mariannella. Giacomo, Beatrice, Cecilia indi Baldassarre e Filippetto e detti

Mariannella — Ecco quà ’e Signurine.

Beatrice — Oh! Mamma mia vi ringrazio (s’ abbracciono e parla con Aurelio)

Carlo — Sig.na Cecilia, vostro zio, il Barone Filaccio, qui presento, vi riconosce e vi costituisce una dote di 20 mila ducati.

Cecilia — Ma io ’e chi so figlia?

Carlo — Siete figlia di D. Michele Filaccio e di D. Ortensia Pappagallo, qui presente!

Ortensia — Si.... figlia mia... mo te dico ’a verità.

Cecilia — Mammà.... io l’aveva capito a tanto tiempo!..

Carlo — (A guaglione ne tene stoppa ncuorpe I)

Cecilia — Ma mo tengo 20mila ducati me voglio mariti e nun me voglio fa cchiù monaca.

Monsignore — Uh! E tutt’ è preparative che steve facenne per la monacazione? Sono tutte inutili. Nehl nce stesse qualche altra che se vo fa monaca?

Giacomino — Mo ’a iamme truvanne cu campaniello d’ ’a Parrocchia.

Baldassare ( fuori con Filippo ) — Monsignò noi partiamo pecchè vostro nipote s’ è fatto troppo discolo, e debbo condurlo presto in Seminario.

Filippo — Io voglio resta cà, cu ’a munacella.

Cecilia — Che munacella 1 Io nun me faccio cchiù monaca!

Filippo — Allora io nun mo faccio cchiù prevete.

Cecilia — Invece, nce vulimme spusà.

Filippo — Con tutto il cuore (si datino la mano)

Baldassare — Monsignò, voi vedute questo scandalo?