Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/58

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
56
monsignor perrelli

salizio zitto zitto.... ma sotto sigillo dicotilerol io non posso svelarlo a nessuno, lo tengo mul

alla tomba.

Carlo — E voi mò l’avito ditte J

Monsignore — Cho aggio ditto?

Carlo — Cho avite fatto ’o matrimonio!

Barone — (Cho specie di animale 1)

Monsignore — Oh ’ allora nun volendo, ho rotto ’o sigillo! Che guaio! Mo sò scuinunicate! Mi avote rovinato!

Aurelio — Monsignò, non vo pigliato collera, perchè vuie nun sito state mai confessore!

Monsignore (ripigliandosi) - Ah! già, io non so cunfessore ’o sigillo nun ’o tengo!...

Carlo — D Ortensia, mo nun sito ccliiù zitella!

Ortensia — E’ stato Monsignore dio ha scuramigliat’ ò fatto! Ma io ’a benedezione l’avette.

Monsignore — Si è vero siete vedova in capillis!

Carlo — E pecchè nun ’o diciveve primino 1

Ortensia — Si non me levavene ’e sei ducato ò mese.

Barone — Faciteme ciente cause... ma io a Beatrice nun ‘a donche ’a nu straccione!....

Giulia — Barò.... senti persuaditi.... ’e fonimene ne sanno cchiù di voi uomini.

Barone — Ah! tu pure si d’ ò complotto?

Giulia — Chisto nun è complotto?! D. Aurelio è nu buono giovine.... Cecilia, tua nipote, se cuntenta è na cusarel la, e lenisce tutte cose che ghiainme facenno a fa cause?

Carlo — ’O peggio nce vaco io, cho perdo na bella causa ’a mane... ’a mane!... Barò, me vulite dà chelle diece pezze?

Barone — Vui ancora nce pensate? Insomma a mia nipote quanto lo debbo dare?

Carlo — Venti mila ducato.

Barone — Ventimila? A mè, me vene nu tocco!

Carlo — D. Michele ha rimasto 80 mila ducati di proprietà. Allora nun ve venett’ ò tocco.

Giulta — E o titolo! nun ’o cunto?

Barone — Chella che se ne ’a da fare d’ ’e donare? Se s’ ha da fa monaca?

Ortensia — E nnn ce stongh’ io che so ’a vedova è D. Michele Filaccio?

Carlo — Mo è vedova, mò.... Ha ntise ’e donare, ò fenuta ’a zitellauza...

Barone — Pe diecemila ducato se pò cuntentà!...

Carlo — Barò, è inutile, hanno da essere ventimila, si no ve faccio lassà tutte cose,

Barone — ’E va bene! Me l’avito fatto! Aggia cala la capa!

Carlo — Mettiteva là. e scrivete due dichiarazioni: Cou to 1.» dat* ò cunsenso a vostra figlia Beatrice; con la se* conda dichiarate ’e riconoscere vostra nipote Cecilia o le date una dote di ventimila ducati.

Monsignore — Adesso ve lo detto io 1

Carlo — Zitto per oarità vuie pco vulite fa passa uu gu*10.