Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/57

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
55
atto terzo

SCENA VIII.

Ortensia e detti

Ortensia (fuori Mo- m’ avito chiammate?

Carlo — Sono stai * io. •>; presentarvi al Barone.

Ortensia — Ah l io. Signore, ’o cunosco a tant’anne!

Barone — Chesta è a cammarera, di mio fratello Michele, e io sto pass&nno hi; ducati al mese; pecchè? che volete dire ccu cheste?

Carlo — Voleva Sapere la raggiono pecchè le passate sta mesata!

Barone — E v’ aggia da c.unto a vuie? perchè nce ’e voglio passa pe ìlemmosina!

Carlo — Levate sta brutta parola! A Ìlemmosina’a facite u ’e puvurielle. Ma questa qui è la vedova di vostro fratello D. Michele.

Ortensia — Verola? Vui cho dicite? Io sò zita verace?

Monsignore — E zita in capillis! questo mi costa!

Carlo —Monzignò, comme ve costa?

Monsignore — Mi costa... pecche me l’ha detto essa!

Barone — E cho nce traso stu fatto, cu mia figlia? Datemi subito Beatrice!... Io la voglio!

Carlo — Aspettato un momonto che nce travate sfizio! Dunque la sig.il D.a Ortensia, qui presente, cu tutto che è zita in capillis, ebbe una figlia da vostro fratello D. Michele. Questo non lo potete negà?

Barone — Sè na figlia... che io nun aggio voluto niai riconoscere. e le passo sei ducuti al mese per alimento.

Carlo — Vui non sapite però che ’a guaglione, è friccocarella, e ve vo fa na causa, po avè tutta ’a roba d’ ’o

padre..... e anche il titolo, perchè D. Michele era il

primo genito!

Barone — E avarria truvà nu paglietta pazzo... perchè mio fratello nun era nzurate.

Carlo — E chisto pazzo songh’ io!

Barone — E nun puteva essere diversamente.

Carlo — Io ho saputo, che vostro fratello, ha fatto un matrimonio in extremis.

Barone — Che matrimonio, avette na benedizione a nu prevete pe farlo muri cuntente.

Carlo — D. Ortensia, ve ricurdate ’e stu fatte?

Ortensia — lo nun ne saccio niente, io sti cose nun ’e capisco, io so zitella verace!

Carlo — Vuie vedite quanto è cucciuta, sta bizzoca d’ ’o diavole!

Aurelio —Monsignò, dite qualche cosa anche voi!...

Monsignore — Eh’ aggia di, io nun saccio niente.

Carlo — Come voi faceste stu matrimonio fra D. Michele e D. Ortensia, ve ne ricordate?

ON81GNORE — Io mai.... Mi ricordo che fui chiamato na sera, perchè era amico di casa, e mi fecero fa nu spu-