Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/56

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
54
monsignor perrelli

Monsignore — Ma che cosa? che colpo iV nme capi? Forse chiste venesse po avè denaro, ir ■ n<- tengo?

Aurelio — Monsignore essi vengono per: ia. vi raccomando di parlare per me e per lei!

Monsignore — E che nce trase io, cu ’a i.

Carlo — Vui nun avito fa niente, mo pari • i rispon dete sempre di si, che vi trovate bene I

Marianna (fuori). — Favorite Signò, Monsignore sta ca!

Monsignore (si alza). — Signor Barone... Sig: Baronessa... a che debbo attribuire l’onore di una vostra visita?

Barone — E mo l’addimmannate? Che n’avite fatto di inia figlia?

Monsignore — A figlia vosta I e io che ne saccio?

Giulia —Monsignoro, siamo venuti a riprendere Beatrice. Vi preghiamo di darcela.

Monsignore — Signori iuiei, scusato io credo che site asciute pazze.

Barone —È inutilo cho negate. Vui site nu prevete sprevetate! Vuie a teiiite nascosta cà dinte!

Giulia — Essa co l’ha scritto!

Monsignore — Neh! avvucà, parlate voi, io nnn ne saccio niente!

Carlo — Sissignore, la signorina Beatrice ieri sera se ne è fuggita con questo giovino D. Aurelio Paone, il quale per farla star sicura d’ogni sospetto l’ha condotta a casa di sua zia e di Monsignore!

Monsignore — ’A casa mia? Neh 1 Segreta, iat« faceone sti cose? almeno avvisatemmelle primtnu.

Aurelio — Signor Barone ho l’onore di domandare la mauo di vostra figlia Beatrice.

Barone — E vi pigliate puro Y ardire di dirlo? sieto nu pezzentone... Che titolo tenite?... Che beni possedete... niente! e ve volito piglia mia figlia?

Giulia — Mi meraviglio ’e Monsignore cho ha lasciato la sua scienza s’ è posto a fa ’o rucco, rucco!...

Monsignore — E’ visto? ma faie senti chesti cose pe causa toia!

Carlo — Giacché il Barono ha ricevuto cosi male il mio amico, gli voglio parla di un altro affare?! Giacumi, fammi venire D.’* Ortensia!... (Giacomo via e riesce).

Barone — (D.a Ortensia? Che fosso ’a cammarera?)

Giulia — (Il colpo ò stato preparato!)

Monsignore — E che nce trase D.a Ortensia? Io mò ebe capisco a volo d’uccello, tutte lo cose? ’E stu fatto nun aggio capito niente. Sto comme all’asino mmieze ’e suone!

Carlo — Mo vene pure a parto vosta, non dubitate!