Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/55

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
53
atto terzo

Carlo — Monsignò, sentite a me, vi ò riuscita bona na vota, ina pensato ai casi vostri, e levateve ’e diebbete, perchè non bis in idem.

Monsignore — E’ giusto quello cho dite! Io ho però fatto una pensata per tacitaro i miei creditori. Vedite so ve piace?

Aurelio — E sarebbe? Ve vulite vendere qualche fondo!

Monsignore — No... darei un dispiacere a chillo povere viechiarielle ’e papà. Vorrei invece vendermi tutti i miei manoscritti, che contengono tutte le opere scientifiche che ò fatto io—specialmente per gli studii sulla storia naturale! diamino! so non me vonne paga niente, mi debbono dare dodicimila Ducati. Per esempio: tutti si domandano perché lo acquo del mare sone salato?

Carlo — Voi lo sapete?

Monsignore — Eh!... eli!... Io ho scritto tre volumi per dimostrare questo fatto! Lo dico a voi, ma questo è un segreto scientifico, non lo dite a nessuno!

Carlo — Oli? vi pare!...

Monsignore — Voi sapete che il mare è popolato da milioni e milioni di alici! queste alici sono salate? quindi hanno reso salate aneho le acque del mare. Questa è una verità indiscutibile 1

Giacomino — Monsignò che state pazzianne?

Monsignore — Tu che ne capisci, bestia! Chisto è ’o mumento ’o pazzia?

Carlo — ll consiglio che vi posso dare io, è quello che pigliate tutte ’o carte che tenito* ’o facite pesà, ’e mannate a nu putecare pe vodè quante ne putite ave.

Monsignore — Come i miei manoscritti non valgono niente?

Aurelio — Scusami, pagliè, che io non sia della tua opinione! Ma io credo che nce sta qualche cosa di Monsignore che i nostri nipoti, un giorno, 1’ andranno a cercare.

Monsignore —Lo sentite; lo sentite.... voi non mi avete ben capitp, il mio Segretario, che mi conosce, sape che

io resto celebre l

Giacomino — Chesto è ovoro! ’O Signoro mio resta celebre assaie!

SCENA VII.

Marianna, il Barone, Giulia e detti.

Marianna — Eccellenza, stanno saglienno ’o Barono e a Barone ssa Filoscie.

Carlo — ’A pigliate pe na frittate?

Monsignore —Che stupida, si dico: Sfilaccio, bestia! (Marianna via e Ionia).

Giacomino — E isso puro l’ha anduvinate!

Aurelio - La eosn è riuscita.

Cablo ll colpo è andato bene!