Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/54

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
52
monsignor perrelli

Carlo — Niente, un* inezia... Monsignò ’,A(. foevoti

un poco d’acqua... Marianuè un In > ’--qua \\fa

riarma via c torna con l’acqua)

Monsignore — Vi ringrazio perch» s ■; v’oi ci sarei

proprio capitato come a lego leyis.

Mariannella — Chesta è l’acqua.

Monsignore — Grazie (beve) Che mi: u,, liarone me l’aveva cumbinato ’o piattino!

Giacomino — Ovvi che ncc sta ’o barone po miniezo 1 Dicevo buono io!

Carlo — Ma neo avete colpa voi! Perché io. da diversi giorni, vi ho pregato. parliamo d’affari... ò voi avete riposte sempre pò so ne parla!

Aurelio — Ma se è lecito, di cho si tratta?

Carlo — Monsignore stove capitando in mano agli uscieri, che ’o vulevano purtà a Concordia!

Giacomino — A Cuncordia? veno a dicere carcerato pe diebbete?

Monsignore — Per un’ inezia..... per poche centinaia di

ducati.

Carlo — Monsignò, nun sò poche centinaia, ina sò poche migliaia, ricordate buono, Vuie nun sapite chello che avito curabinate.

Monsignore — Quanne me servivano denari, me pnrtavene ’e carte e io firmavo e zitto!

Carlo — E mo ve travate cu ’e guaie ncoppe ’e spalle!

Giacomino — Vuie nun site iute chiù a vedè ’a Grisse’.’

Monsignore —Non ò potuto, ma ò scritto però che l’avessero rimandata, perchè ie non poteva andarvi

Carlo — ’O vedite! Vuie cu tutti sti guaie che vo ’a fatto ’0 Barono penzate somp.e a ’o scemità vostc.

Monsignore — Voi un’ Ecclissi cosi importante, me la < hiainmate na scemi tà?

Carlo — Non per 1’ Ecclissi, per quello cho dite voi!

Aurelio — Ma il barone, come è vostro creditore ’

Monsignore — lo debiti con lui non ne tengo, corame neo trase mmieze?

Carlo — Ha dovuto comprarli dagli altri usurai suoi colleglli, Chillo chesto va facendo L’ aggio stipato nu ser vizio cho s’ arrecrea 1

Aurelio (« Carlo) — E tu come lo hai saputo?

Carlo — Io sapeva ohe la posta ora stata fatta da qui alla Chiesa, quindi non appena aggio visto Monsignori» a Imitane, gli son corso dietro, o lo ho obbligato di salir** dint’ à carrozzella.

Monsignori* (indendo). — I/Usciero me vulova afferra in®ll tre sHglieva dinte ’a cittadina, mu nun ò arrivate » tiempo 1

Carlo — Io 1’ aggio ditto; tocca cucchiè, e co ne sin»"10 scappate!

Monsignore — E lo ’a dinte ’a carrozzella, le faceva s*’$nC> che isso era rinixatu cu tanto nu palmo ’o naso ( /’* gesto con la mano).