Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/53

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
51
atto terzo

Baldassarre Tu mi fai fai fare una figura da burattino! Chillo nuu me rispetta cchiù.

Cecilia Canò perdonatelo, nnn dite niente ’0 nonne; si no nun ’o fann’ nsci cchiù d’ò Seminario.

Baldassarhk - - Ali! voi pure ne prendete le difese! E’ segno che nce sta il dolo!... ll dolo nc è l Andatevi a confessare tutto quello che aveto fatto.., farvi baciare la mano da un eh erieonzoló... fosse stato nu canonico, eh! meno male, la cosa poteva passà.

Giacomino — Eggià pe isso jeve buone ’0 fatto!

Baldassarre — Ma un chierieonzolo.. è troppo! Se io fossi

il vostro confessore non vi assolverei.

Aurelio (dal fondo) — Canò, va bene, come la fate lunga, la potete fini, so coso da ragazzi.

Baldassarre — Di ragazzi dite? Le prendete per un’inezia!.. dalla mattina si vede il buon giorno! Voi che siete un giovine adulto, avreste potuto fare almeno di fare certo scene scandaloso in presenza di ragazzi por farli apprendere quello che non sanno.

Filippetto — Maria Celò, stateve bene, noie nce spartimmo...

Cecilia — Arricurdateve ’e me, nce vedimmo ’a ò Munasteio.

Filippetto — Tante pe tanto. ugge sta ’a pane ’è acqua, mo le vase n’ auta vota ’a mano (esegue).

Baldassarre — Ah! Galeotal Pure nanze ’a me ’o faie? dentro (lo stacca a forza e via).

Giacomino (a Cecilia) — E essa comme so ’o faceva fa! Nce aveva truvate sfizio ’a Munacella?

Cecilia — E elio male nce sta? Noi siamo fratelli e sorella (via a destra).

Giacomino — Comme, sito frate è sora?

Aurelio — Dice che so fratello ’e sorella spirituali.

Giacomino — Ma frattanto spuzzuliavene corporalmente!..

SCENA VI.

Mariannella, Monsignore, Cablo e detti.

Mariannella — Signuri, sta saglienno Monsignore sott’ o braccio d’ ò paglietta, e me pare che sta tutto sbattuto. Quncche cosa le sarà succiesso.

Giacomino (con premura)—’O barone avarrà vattuto a Monsignore (guardando).

Aurelio — Monsignore tutto sbigottito! e olio sarà?

Giacomino — Comme. Munsignore è singultite?

Carlo (appoggiando Monsignore) Monsignò rincoratovi che è cosa ’e niente; quanto nce stong’ io nun ve muttite maio appaura.

Monsignore — Non è che ò avuto paura, ma sono uu poco sbigottito 1

Aurelio — Ma che è succ.iesso?