Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/52

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
50
monsignor perrelli

SCEXA V.

Giacomino indi Baldassakk. i hkuo e detti

Giacomino (dal fondo) — Seh! hanno fatto chesta cova ’ palummo? Mo vaco ’a chiammà ò Canonico! («ia).

Filippetto — Sentite, io appena esco d’ ò Seminario, ’e ven go ’a sta cu zi-zio, vo vengo a truvà ogni giorno ’a Munistero.

Cecilia - Nun putite veni pecchè io so novizia... e ’e no vizie hanna parla nnanzo ’a Badessa.

Filippetto — E che fà? io me porto a zi Monsignore api priesso, accusi isso so trattene ’a parla cu ’a badessa, e nuio restammo sulo.

Cecilia — Avite vodè si Monsignore vò veni?

Filippetto — Zi zio è nu scemo, fa tutto quello che voglio io.

Giacomino (Fuori con Baldassarre) — Eccoli qua, vide che t’ hanno cumbinato!

Baldassarre —Seh’ mi piace! Questo è il profitto che fate in Seminario? Ve mettite ’a parla cu na figliola, voi solo I So lo sapesse il padre e rettore vi farebbe stare!5 giorni dentro ’a cella pane ed acqua

Filippetto — Noi stavamo parlando di tutte cose sante! E’ vero M. Celè?...

Cecilia — Sicuro si parlava di confessione!..

Giacomino — E ve ’o pozzo accertà pure io... perché, poco primme, p9 a troppa santità se vasavane tutte e duie!

Baldassarre — Se vasavene tutte è duie! Orrore? Tu che mi dici? Voi date questi scandali in casa di un santo uomo!

Cecilia -—Non è vero io stevo vasanno ’a mane ’a Monsignore!

Filippetto — E io ’a vasave "a Badessa.

Baldassarre — E chi è monsignore? Chisto lazzariello? quanta calci ti dò. e te faccio vutà tuorno, tuorno... isso se permette di farsi chiammà Monsignore? Ne a man già pane nire primme d’ arriva jh prendere gli ordini

Filippetto — Ma io debbo essere Monsignore... einbe. io sò Filippo III? ,

Baldassarre —Cammina dentro! Si no ti piglia po » r’| chia e te porto strascennano appriesso! E ino pr0l‘ dobbiamo partire per Cicciano, e racconterò tutto “ nonno, e ’a nonna! .,(0

Filippetto (piangendo) D: Baldassà, io nuu aggi° ‘l niente... ^

Baldassarre — Te faccio sta otto giorni inginocchia o granone sott’ é ginnocchio.

Giacomino — Lazzariello... scostumato. ^

Baldassarre — E tu té ’a sta zitto! tu che nce trHS‘ mie*e? «*1*

Giacomino — In muncanza di Monsignore facci w d’ ó zio!