Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/50

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
48
monsignor perrelli

Filippetto — È troppo buono! ma una farebbe dispiacer*! già vuie st.i coso r. , pei/.

chè fate una vita spirituale!

Cecilia — Altri pochi giorni mi restano, p i per ché poi ritorno a ’o Munastero o non Mi «.ep pel li sco!

Aurelio — Beatrì iammuncenne dinto, p -, duie me seccano iviano discorrendo).

Filippetto — Eh! beato voi! beato voi! Gin*. to a fare in questo mondo., almeno là dentro _ • ■: i.<< vo. stra... pregato sempre... ’E dolce puro ’o fate, ó vero?

Cecilia — Uh! avete voglia I da ’a matina a sora nun facimmmo che dolci,

Filippetto — Io, quando sarò prete. vi verrò a trovare spesso. A mo piacene assaie ’e dolce.

Cecilia — Ma vuie veramente ve facite preveto?

Filippetto — E che passiaveme? Vuie sapite eh’ io debbo essere Filippo ll1?

Cecilia — E che vene ’a di?

Filippetto — Che so io non mi fuccie prevoto. si perde il Monsignorato di famiglia.

Cecilia — Ah! vuie puro sarete Monsignore, commo o zie?

Filippetto — So capisce... a’ u’ altri 100 anni che zi-zi-’ muore, a me spett’ ’o titolo.

Cecilia — Io allora sarrapgio monaca ’a tanto tienipo.. chi sa se non sarò puro badessa.

Filippetto — Così speriamo... cosi speriamo...

Cecilia — Sontito.. Quann’ io sò Badessa e vuie Monsignnre, io ve scelgo po confessore mio. Vulite essere o cuufossore mio?

Filìppetto — Ma, con tutto il cuore... ve paro, chi non avrebbe piacere di confessarvi?

Cecilia — Vuio quanno venite io vi faccio truvà ’o caffè... e freselline!.. Faciteme abbedè quanno venite a confessarmi, comme facito?

Filippetto — Ecco qua... Voi elio nome vi metterete quando vi farete monaca?

Cecilia — Nun nce aggio pensato ancora... Ma me piace tanto “ Maria Celeste „...

Filippetto — lo quanno vengo ’a purtaria, avviso: Facite me scendere Maria Celesto.

Cecilia — Io pò sò chiammnte ’a grade, e subito scer.uo primnia cosa v’ aggia vasù ’a mane.

Filippetto ritirando la mano) — Lasciato stà... lasciato

Cecilia — Nonsignore io saccio ’o duvere mio... (bacic« mano a Filippo).

Filippetto — Queste sono brutto tentazioni!

Cecilia — Oh! Monsignò curarne stato? Corame avete },a sate ’a nottata...

Filippetto Sempre pensando a voi 1 (iripigliandosi) le diceva a chesta I) Sempre pensando al vostro 1 spirituale!

Cecilia — Avito pensat’u me?... ò segno che me vulite H