Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/49

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
47
atto terzo

Aurelio - Fà comme vnò tu, abbasta che nce vaie.

Beatrice I’ i ve venire qui, a momenti, capisci...

Giacomino i! Isso vene cà? e me ue vaco io l (via in fretta).

Marianna ^ S gnori, dateme ’o permesso pure a me! (segue Giacomo).

Beatrice — Fai, <he papà e mammà vonenel

Aurelio — Mo che ànuo la lettera, ’e vide veni snhito.

Beatrice — E Monsignore min ce stà?

Aurelio Troveranno invece D. Cari uccio. il quale sape tutte cose. Ed a proposito, ti dovrei mettere a parte di tutto; col permesso della signorina, parlammo nu poco.

Cecilia — Si è po me, facite cunte corame io non nce stossa.

Beatrice — Cecilia, mi è cugina, e non se po piglià collera!

Cecilia — Anze, me fa piacere!... Veate a te che può parla cu nu bello giovene; e io aggia sta chiuso dinte ’o Munastero. e nun veco raaie nisciun* ornine I

Aurelio — E come? voi avete tanta vocazione per farvi mouaca!

Cecilia — ’O dice ’a zia, e Monsiguore; e io 1’ ubbidisco pecche senza mamma e senza padre addò jarria? Mieze a strada?

Beatrice — ’E ha ragione! povera figliola! nce ne voglio parla a papà!

Aurelio — Seh! mò 1’ è nduviuate! ironico) Basta, lasciate fare la provvidenza, che se aggiusteremo il fatto nostro, penseremo anche per voi. (resta a parlare con Beatrice )

Cecilia — Che fortuna avere un bel giovane per fidanzato, e poterci parlare a sulo a sulo! e io?.. Pecchè sò nata accussi sventurata?!

SCENA IV.

Filippetto e detti.

Filippetto — (da destra) Oh! Buon giorno Signorina... come state?

Cecilia — Bene!

Filippetto — Avete detto le vostro orazioni •

Cecilia — Sissignore! appena me so alzata!

Filii-petto (scorge Aurelio e Beattice che parlano) — Che fa quella Signorina, con D. Aurelio?

Cecilia - Chille sò duie fidanzate! Stanne parlanno nu poche - poveri giovani — lasciateli parlà!

Filippetto — Clio scandalo! che scandalo! nella cada di Monsignore!

Cecilia — Che fa! nun nce sta niente ’e inale!

Filippetto — Nuu nce sto niente ’e male! Voi che dite, se lo aapeaae Monsignore I

Cecilia — Monsignore, che é tante huooo, h compatirebbe...