Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/48

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
46
monsignor perrelli

Monsignore — Nun fa niente.. ’O Direttore è ami nun comincia se io nun ari. ^io

Giacomino — (’A pigliato p, .tre ’e D.* Peppah

Monsignore — Staterò bom- stawe bene....

Mariannella — Eccellere t na iurnata! Monsignorr —Grazie l... A>: i•«.:

Aurelio — Monsignò divorate

Giacomino — (E isso so diverte ■ à!) (Monsignore |

Aurelio — Io ò sudato una camicia, per farti tacere! però che se no e andato Monsignore, puoi farmi quen^ vore che ti ho detto. ’* |

Giacomino — E n’auta vota sbadato cu ’a lettera! I0 j chìll’uorche nun nco vaco, v’ ’o putite leva a capa!!

SCENA IH.

Cecilia, Beatrice e detti.

Giacomino lvedendo Beatrice). Ecco l’auciello dinta ’a gaiolt

Cecilia — D. Aurè^sapite che dice sta Signurina? Che nui simme cugine. E ’o vero?

Aurelio — Si. è verissimo.

Cecilia — E comme va sta parentela? Pecchè essa è rlcc» e io sò puverella, e m’hanno chiuso pe carità dinte! nu munastero?

Aurelio — Tutte queste spiegazioni non posso darvele, ve!

le darà ’o paglietta quanno vene.

Beatrice — Ma tengo na bella cugina, decite ’a verità!

Aurelio — Ma chi vi à informata di questo fatto? (a Bm irice).

Beatrice — E, stata mammà che mi ha detto che Cecilia.

era figlia a un fratello di papà.

Aurelio — Ali! ve lo à detto mammà 7! (’E feiuraene nos sanno tenè tre cicere mmocca I)

Beatrice — Avite mannata chella lettera a papà?!

Aurelio — Ed io pecchesto stava preganno Giacumino. u quale non vuole andarvi,

‘Giacomino — Chi nce va da chille animale? Io passai® tutte chille guaie.

Beatrice — Giacumi devi farmi stu piacere, lo fai» » infl E’ una Signorina che te ne prega! Potresti accolli’ scendere?

Mariannella — Và, Giacumi, fa stu piacere a Signorio*^

Giacomino — Io nun me pozze annià a vuie, pecchè tl’nr sempe nu trasporto pe ’e belle figliole! | t

Mariannella —Ebbi va isso I Tu si brutto e Murato* puro pari anno! Nun te ne miette scuorne!

Giacomino — Nnzurato va bene... ma brutto uun ’U1* • chiamimi, songe state sempe’o capo simpaticone

Aurelio — Va buò, ve ’e facite n’ auta vota sti cori* ’ per ora pigliate la lettera e vattene gliela dà) ^ »

Giacomino — lo me ne vaco, ma v’ ayviso che ’a Uscio abbascio a o purtone e me ne fuie.