Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/47

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
45
atto terzo

OiACoMiNo — Iuslo a mo vulite manna? lo ve faccio pazzo!

Io, se passo sultanto vicino ’o purtonc, avota ’a faccia all’auta parto! M’arricordo ancora chillo guaio che passaieme l’anta aera N’auto poco mureva accise pe scagno.

Mariannellu — Lasciatela sta isso, mannàtece a quacch’auto!

Aurelio — Io non ho nessuno per il moraonto. Tu, quando vai là; consegui la lettera al gnardaporta e te ne vai

GiàCOMiNO — Ma io nun voglio trasi dinto ’o palazzo, pò essere che chille mo vedo a coppa t ’A paura fa 90.

Aurelio — Che pauroso cho sei! E’ tanto facile dare una lettera al portiere.

Giacomino — Quanno è tanto facile, pecchè nun nce ha portato vuie.

Aurelio — Io debbo stare qui per altri fini miei!

Mariannella — ’E sapi mine sti fine vuoste I Vuie tenite l’aucielle dinte ’a gaiola o nun ’o vulite fa fui? è ’o vero?

Giacomino — E chi nce ha posto dinte ’a gaiola?

Mariannella —Nce à posto isso medesimo 1 ’A figliola, è bella. è bona, è geniale e D. Aurelio vò fà ’o butto gruosso! Nuu è vero?

Aurelio — Se tu lo sai, ti prego di non dirlo a Monsignore, perchè è uno scherzo che voglio fare.

Mariannella — Comme ¥ Vuie purtate na figliola cà dinte. e vulite fa nu schorzo?

Giacomino — Pecchè nun scherzate cu me. invece e scherza cu ’a figliola? mò ageio capito, chisto era l’auciello che steva dinto ’a gaiola! Mò nce vaco a dicere tutte cose ’a Monzignore 1

Aurelio — Giacomino... non le fare... tu rovini me ed a lei I...

SCENA ll1.

Monsignore e detti.

Monsignore (da sinistra con cappello e bastone). Noh! io me ne vaco... vaco ’o pressa pecchè non voglio perdere ’ questo grande spettacolo dell’Ecclissi totale del Solel Io non sò so vengo mangiato o no! si vene ’o pagliette dicitele che venesse dimane, pecchè io cu ’o mangià ncoppe ’o stcmecho nun pozze parlà di affari!

1 Aurelio — Vuie ’e st’affaro vuoste, quanne ne vulito parlà? Maio!

Monsignore — Facite vuie, facite vuie! Io che sò versato nella scienza non ine pozzo occupà ’e donare... sti coso me seccano... De minimis non curai pretor! (a Giacomo) Tu mo nun è capito niente? Eh! povoro ciuccio, nun saie manco ’o latino... Che nce campe a fa?

Giacomino — E vuio nun sapito manco ’o fatto d’’a gaiola? Che nce state ’a fa ncoppa ’a terra?

Aurelio (Fa segni di.tacere)*— Monsignore andate presto, altrimenti vi troverete in ritardo per l’Eclissi!