Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/46

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
44
monsignor perrelli

ATTO TERZO

ha medesima scena dell’ ai io,;

SCENA!.

Mariannella indi Giacomino.

Mariannella Kdai fondo) — Maiuina mia eliti ammuino nce sta dinte ’a sta casa. A che steveme sulo sulo cuioto, cuieto, so venuto nu sacco ’o gente, po noo fa perdere ’a pace nosta! ’A bizzoca nzieme cu a bizzucbella. cu ’a scusa ’o cucenà. so sò nghiiuiunate e nini se so moppete chiù. ’O canonico o ’o nepote ’e Monzignoro, hanno assapu- rato ’o doce, o manco so ne vanno; e mò — pe nghionte ’e ruotele — venette a figlia d’ ’a Baronessa! Pecchè è venuto chella? che è venuta a fa? Chi ’o sape? E’ na vera Babilonia, chi afferra afferra, e Monzignoro pave. Giacumino (fuori) - Neh? mugliò! Tu staie cà? Ebbè io faggio ditto che avisse scetate ’a Monzignore, pecche io aveva fa un servizio.

Mariannella — E l’aggio scetate, s’è susuto e mo se sta ve stenno; dice che và ’o pressa, và trova addò a da andà’ jl

Giacomino —Iere sera me dicette che aveva ire ncoppa ì.

Specula, pecchè a dà vedè ’a Grisse!

Mariannella — E che e ’a grisse?

Giacomino — Quanno s’appiccechene ’o Sole e a Luna? Il

Mariannella — Che r’è, se appiccechene ’o Sole e ’a Luca Pure lloro fanne sti cose f j

Giacomino — Nce apPiccecarame tanta vota nuio; e nisciunf i ne sape niente; s’appiccechene lloro, che songhe cc1J j gruosse, ’o fanno sapè a tutte quanto!!

SCENA II.

Aurelio e detti


Aurelk» (con lettera) (a Giacomo) — Giusto di te allt!a | cerca.

Giacomino —*E che se tratta? dal ^ jl

Aurelio — Dovresti andare un momento fino < ^ Filaccio, e portargli questa lettera che gb,u‘ figlia.