Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/43

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
41
atto secondo

mo lo avo3so presagito, io nnn valeva sagli; ho obbligazione a ’o paglietto che me à fatte chisti guaie!

Giacomino — Rapite1 pecche starnine passanne chiste guaie? Sono le animo di qnelle povere bestie, clic l’avimme fatte mori V famuie, che gridano vendetta contro di noi!

Monsignori - Zitto... veggo un raggio luminoso!

Giacomino — S un na stella cu ’a codal

Salvatori. (.■<•>, •teliere acceso, col cappotto, il cappello e l’ombrello) Ter te chesta è’a roba vosta. Facite priesto, iatevenno zitto, zitto, senza manco rifiatai

Monsignori — Tu ti chiami Salvatore, e s^i il nostro Salvatore.

Salvatore — Spicciateve, inettiteve sta roba (lo aiuta a vestire). Chisto è nu cannelliere, faciteve lume p’è scale vuie stesso: pò dimane me ’o mannate pe ’o servitore vuoste! Ma ve raccumauno nun me ’o facite, perdere, vedito a chi ’o date, chiste è nu canneliere d’argiento che fa ’a pareglia cu chillo che tene ’a signora.

Monsignore — Non dubitare per questo, lo hai consegnato a me? e basta! Grazie... grazie...

Giacumino — E tu comme faie ascuro?

Salvatore — lo songo comme ’e gatte, nce veco ’e tutte manera ’. Mo ve arapo ’a porta zitto. zitto. pe nun fa rummore. (Escono in punta di piedi tutti e trei (Salvatore ritorna). Finalmente se no sò ghiatei Se hanno pigliate chella sommentella 1 Voglio vedè d’ ’a foueste, se arrivene nzalvamiento abbascio ’o purtone! (va alla finestra) E vi là! E comme scenneuo ’e pressa! Ah! sò arrivate 1 Mo mo pozzo andà a curcà cuieto! \via a tentoni).

SCENA XV.

Il Barone, itidi Monsignore e Giacomino.

Barone (dàl fondo all’oscuro con pistola). Aggio ntiso nu ciù ciù cà fora, che nce fosse qualcheduno? Meno male che io nun m’ era ancora curcato! Io songo preparato a tutto! Io aggio saputo ’o Circolo che mia moglie, quanno io esco ’a sera, riceve ’o nainmurato suio e chille d’ ’a!i* glia! Evviva hanno fatto società! ’E voglio accuncià io p’ ’e feste. Se me veneue dinte ’e inaue sti duie D. Ciccille ’e voglio scanna comme a duie piecore t Ah! ’o Cielo m’avarria dà ’o piacere ’e in’ ’e fa truvà cà ncop pai (Si sente un fioco suono di campanelle). Aggio atiso ’o campaniello? Che fossero lloro? (Si ripete il suono leggiero). Si, nun me sbaglio, è ’o campaniello! Ah! nce site capitate dinte ’e mane, piezze e carugnune ’ Mo l’arape ’a porte e me annasconne, e e faccio trasi; e pò hanno cho fa cu me! (va al fondo c toma di nuor*) K yvi lloco, l’aggio ucnppate dintu ’o mastri Ilo! ysi metU in disporle):