Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/44

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
42
monsignor perrelli

Monsignore (fuori con cundc-Hcre) — Salvatò,.. Salvatò... qu sto è ro candeliere che: -ivete prestato... io subito l vengo a i-eatituì.

Giacomino — Nuie, f’romc arrivufe buono, abbascio, pecchi avite vuluto sagli n’auta vota ascura.

Monsignore — Salvator mi aveva raccomandato tanto ’0 cannelliere: ho voluto fa avvedo cho sapeva fà il Qjj0 dovere!

Giacomino — E mò commo nco no iatnme ascure n’ anta vote!

Barone — Tu non te no andorai, pecche primme e ’a parla cu me!

Monsignore — E chesta nun è ’a voce ’o Salvatore?

Giacomino — Mamma mia, chesta è ’a voce ’e Puorco!

Monsignore — Ah! siamo perduti! (va per fuggire).

Barone (afferrandolo pel braccio). — Tu nun tè ’a movere, m è ’a dicere chi si? e pecche si venuto cà ncoppa?

Monsignore — Lasciatemi per carità! non mi uccidete io non aggio fatto niente.

Barone — Vuie m’avite dà cuntó. pecchè site venute’e notte dinte ’a casa mia? Vuie site duie maiiuole, o liuto naininurate!

Monsignore — Nè l’ano uè l’altro! Signor Barone, io 9ono un prete!

Barone — Che prevete e prevete!..* Te si vestute da pre veto pe te unnasconnere! Tu si ’o nammurato ’e mugliorema, e chist’ auto è ’o nammurato ’e figliema!

Monsignore — Ve lo giuro sull’anema di zi Filippo sullanoma dei miei antenati, che io non conosco a vostra moglie.

Barone — Nun ’a saie! E allora pecchè stai cà?

Giacomino — Simme venute a purtù o canneliere!

Barone — Veue a dicere che ve 1’ anno dato stu caunoliere

Monsignore — Per carità, salvatemi la vita, o domani vi spiegherò tutto I

Barone — Dimane?... Dimane?... dimane site muorte.

Monsignore (grida) — Aiute! per carità I gente!

Barone — Zitte, carugnune 1 non strillate! difendetevi!

Monsignore — Giacumi! Difendiamoci! Arape ’o mhr^*0 (Giacomo esegue). Abbiate pietà di noi!

Barone — Te! pigliete cbeste! (Spara un colpo di pisloW

| Simme muorte! (cadono con l’ombréllo apc^0