Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/42

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
40
monsignor perrelli

Giulia — Fingi di non sentire ti ho detto, finisci Hi „ zare. 8m<* Caribo — Ah! eccolo qua... Aurelio andiamo. Barone nce dimmo da Monsignore.

Giulia — Scendete per la scala «di i i che è la più moda! (Tulti vicino salutando?’• fretta). Co‘

Monsignore — Neh! ’a roba mia cr>i m la dà?

Salvatore — Nu momento so sta ase. stanne dinta a Co cina.

Monsignore — E io comme mo.. « «nza cappiollo, sen^j cappotto!

Giulia — Restate nu momento all oscuro verrà Salvatore vi porterà tutto!

Monsignore — Chiamato a Giacumino fpra a sala.

Giacomino (fuori) — Facite priesto che cà nce nn}ttim®e appaura.

Giulia — Nu poco di pazienza e tutto si aggiusterà. Io ne vado per non farmi vedere da mio marito. Beatri andiamo (piglia uno dei candelabri con cera accesa). Saivatò può andà ad aprire. Felicenotte (via a destra).

Salvatore — Eccomi Eccellenza (piglia l’altro candeliere, e resta la scena completamente aìl’oscuro).

Monsignore — Eh Felicenotte! E me hanno rimaste all’oscuro! Giacumi. tu addò staie?

Giacomino — Stongo qua vicino a vuie, o vuie addò state!

Monsignore — Zitto non fiata, nun to movere si nò abbuscamme.

Giacomino — Ah! cà se corre stu pericolo?

SCENA XIV.

Il Barone, Salvatore e detti.

Barone (di dentro) — E nce vulova tanto pearapl sta porta! Che stive facenno?

Salvatore (di dentro) — Eccellenza m’ era scappato a suonno!

Barone (di dentro) — N’aufca vota che t’adduonne te sceto io cu na bona frustata nfaccie ’e gamme!

Salvatore (di dentro) — Sissignore, Eccellenza!

Giacomino (piano) — ’O sentito!’ uorco ’o sentite! j

Barone (attraversa il fondo della scena, si ferma sotte lar I della porta) — ’A Signora e ’a Signurine che stanne -1 cenno V

Salvatore — Stanne durmenno a chiù ’e doie oreBarone — E ca non nce è state nisciune

Salvatore — E chi vulite che nce stesse? nce sto • collenza.

Barone — Accampagnetne dinte, allumine ’o lume e p vaio a curcà (tetano a destra in fondo).

Monsignore — Ehi anima di zi Filippo!.° aiutate®ll^ Vedete quanta guaie sto pussanne! Quasi ebe >1 c