Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/41

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
39
atto secondo

Carlo — Ce trase benissimo! Pecchè sarà il movente, per

far acconsontini ’o barone a questo matrimonio. Gh detteremo le condizioni!

Giulia — Se è per questo, io vi darò il mio appoggio, pe vede cuntenta Beatrice, faccio qualunque cosa.

Carlo — Benissimo! ’A primma cosa D.a Beatrice se ne a da scappa...

Giulia — Comme?...

Carlo — In casa di Monsignore! Là attiremo il nemico nella fortezza e lo faremo capitolare.

Giulia — Me pare che nun ne cacciate niente!

Carlo — Vuie facite chello che ve dico, ed al resto ci penserò io 1

SCENA XII.

Salvatore e detti.

Salvatore — Eccellenza, il Signor Barone sta saglienne ’e scale,

Giulia (sbigottita) — Tu che dice, ne si sicuro?

Salvatore — L’ aggio visto d’’a fenesta, d’ a cucina!

Giulia — E comme va accussi priesto?

Carlo (guardando l’orologio) — E vicino mezzanotte.

Salvatore — Se sarà inteso poco bene! perciò si ritira più presto, pe solito isse vene a ’e doie, ’e tre; pure a ghiuorno.

Giulia —Salvato nun apri ’a porta, fa avvedè cho ti si addurmute. (Salvatore via e torna). D. Carlù cu na scuse purtateville a tutte quante, si no io me ncuieto, cu chillo uorche!

Carlo — Mo ve servo io — tante più che arrivo a scappà nu momento a S. Carlo ( via in fondo).

Salvatore — Eccellenza, il signore ha sunatol

Giulia — Fallo aspetta fingi che te si addurmuto; comincia a stutà sti lume (Salvatore esegue).

SCENA XIII.

Carlo seguito da tutti indi Giacomino.

Marchese - Come nu marchese commo a me! a questa ora se ne deve andare, e io che me ne vaco facenno?

J^MtLlA— Ti ritiri a casa con la tua cara moglie.

Giulia — Vi domando scusa, ma una indisposiiione sopravvenuta a mio marito, non mi permette di godere della

^ vostra compagnia.

°n’tlssa — Arrivederci- Giulia ci vedromo a miglior Uwupo.

^ sempre di giorno però I

8^0 — Io niò ascuro, aggia txuvà ’o cappiello mio? ’«vatohe — Eccellenza, ha sunato u’antu vota...