Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/40

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
38
monsignor perrelli

Carlo (piano a Giulia) — So prim i! poneva, adesso ne sono cero! perchè vi siete turbata.

Giulia — Monsignò io non l’ho con ovi, parlava a 'o pagliette che dice nu sacco ‘e scemità.

Monsignore — Ah! Beh! Perché io,ii,-,> maie bear I lità! sempe cose dotte erudite r sentir da me à

Carlo —(Mo vedimmo si sò scimità). Ditoni na cosa signò, nu prete semplice tiene la far.Ita di sposare

Monsignore — Sempre! Il matrimonio un sacramento [[ Ca che può essere amministrato da tutti i preti.

Carlo —E se vi chiamassero per un uomo che sta in fjn il (tal di vita, voi potreste sposarlo? i C*

Monsignore — Tanto bello! Ebbè io nun fnie chiammato...

Carlo — No, non può essere, avete sbagliato! Non avete questa facoltà.

Monsignore — Sissignore io fui chiamato da D. Michè...

Giulia — Stateve zitte, iatevenne dinte, nou sentite che vi! chiamano!... (lo spinge dentro).

Monsignore — Ah! mò stevo rompenno ’o sigillo! (ria).

Carlo — Vi siete persuasa che il prete c’ è, è vivo e nun I S> è muorto!

Giulia — E che volete dire con questo? | Gl

Car o — Che io ve pozzo fa na causa e levarvi ’e deaare E

e ’o titolo! [ Gl

Giulia — E fatela vedito so vi riesce? \ Ci

Carlo — Per riuscirmi è una cosa facile; ma non possiamo I S* venire ad nn’ accordo. Sentite, voi siete na hona signora. Credete che sia giusto che chella povera guagliona se a da fa monaca, pecchè è una miserabile, mentro voi I Q vi dovete godere tutti i denari suoi.

Giulia —Pigliatevelle con mio marito, che vuole cosi.

Carlo — Io me ’a piglio pure con voi, perchè voi, per ar’ ricchire vostra figlia, permettete che un’ altra si sagrìchi per lei!

Giulia — Ma chella è figlia ’e na cammarera! I S

Carlo — E che colpa nè ha? Che à voluto nascere lei • It Q Cercate di persuadere quell* avaraccio del barone a «darl^ una dote, e così si potrà maritare a suo piacere.

Giulia —Già, pe ve a fa spusà a vuie!

Cablo — Sicuro! Mi avete data una bella idea! Ed io stupido nnn ce aveva pensato! ’A guagliona è bella ni* £ piace; sta pò a sapere se io piace a ossa!

Giulia —Chella esce a dinto ’o m un asterò! Le piacene tutte!’ uommene l Se sposo pure a nu ciuccio! basto* che è omino!

Carlo — Vene a dì che ‘o ciuccio, sarei io!

Giulia — Eh!... me pare.

Carlo —Io v’aggio ditto cho con voi non si può parlar® mai seriamente.

Giuli* — Ma insomma io non aggio potute capi che vulite

Carlo — Che voi vi uniate a me por pensare alla felicità di D.’’ beatrice, che vò aput*à ad Aur«lio.

OlUi-IA —E che nce trase pe miexo ’o fatto ’el). Michel**