Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/39

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
37
atto secondo

che non sa il padre io non debbo saperlo! Che dimandi la mano al padre.

Cahlo — E chesto so vennto a fare io! Isso o vò o non vò dovrà acconsentire a questo matrimonio.

Giulia — Voi che dite? Quell’ò un animale, ino fra l’altro alla vecchiaia gli è venuta la gelosia in testa, od è gelosa di Beatrice e di ine! Dice che a sera nuie riceviiume ’e namuiurate.

Carlo — E fosso anche geloso di me?

Giulia — Potrebbe darsi! Se vo vede ca ncoppa, vi piglia pe nu nammurato nuosto

Carlo — Ma parliamo d’ ’o fatto di D. Beatrice, perchè si fa tardi, ed io non voglio manca a S. Carlo. Voi conoscete la storia di vostro cognato D. Michele che ebbe una figlia naturale cu ’a cammarera...

Giulia — E chesta figlia si chiana» Cecilia, perchè nacque

il 22 novembre 1804. il giorno di S. Cecilia.

Carlo — E che la madre di chesta piccerella, si chiama Ortensia Pappagallo.

Giulia — E con questo che vulite di? chesta e na figlia naturale ’e D. Michele, e non ha diritto a niente. Dove avere gli alimenti, e perciò ’o Barone le passa sei ducati al mese.

Carlo — ’O fa stu sfuorzo! Io invece vi dico che Ortensia sposò D. Michele Filancio “ in extremis „ e die la figlia è lo vera erede di tutto. anche del titolo di Baronessa.

Giulia — Oh! Pagliè a me nun me nbrugliate! Che matrimonio me iate cuntanne, là nce fu na benedizione ’e nu prevete all’ ultima ora, po ’o fa sta cuiete ’e cuscienza.

Caei.o — E quella benedizione ora un matrimonio, pecchè allora nun ce stava ’o state Civile. D. Michele è morto al sei. lo stato Civile è stato istituito al nove. Tutto sta adesso di ritrovare il prete che ha fatto stu matrimonio.

Giulia — E truvatele, lloco sta ’o difficile! ’O sapite vuie? No! a chest’ ora sarrà pure muorte!

Carlo — Non lo so di certo, ma l’intuisco!

SCENA XI,

Monsignore e detti.

Monsignore (dal fondo, con piatto e salvietta) — Barouè vi faccio i miei complimenti, sti sfugliatelle sono eccellenti! — Queste sò d’ ’a Croce ’e Lucca? Io me n’intendo di queste cose! E quella ciucculata era magnifica, per non disprezzare il cuoco della Marchesa Torrone, il vostro è anche un buon cuoco!

Cari.o {piano a Giulia) — Ecco il prete che sposò D. Michele.

Giulia (irritata) — Siete una bestia, dite sempre sciocchezze!

Monsignore — Gomme io songo na bestia? e dico scioc* cliezze?