Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/37

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
35
atto secondo

Contess a—’E mioi se mangiano 10 rotolo’e biada’o giorno, o stanno belle turzute, turzuto!

Monsignore — I vostri moriranno crepati?

Contessa — All* ossa e chi ci vo male:

Monsignore — I miei invece ai faranno docili, come agnelli. Allora verrete tutti da me per sapere il mio aegreto, ed io non ve lo dirò.

Contessa—E facite buone teniteville pe vuie sti segreti II

SCENA Vili.

Salvatore e detti indi Giacomino.

Salvatore — Eccellenza fuori nce sta ’o servitore è Monzignore, ch« deve faro una imbasciata urgente al padrone.

Monsignore — Giacumino? E che vorrà? Mo vengo io fora I

Giulia — No fallo entrare, è tanto curiuse Giacumino che mi piace di sentirlo;

Salvatore (parla nell’ interno) — Sapete., a voi potete entrare (via).

Giacomino (fuori) — Uhi Signore mio! Che disgrazia è successo! A una a vota hanno calata ’a capa e sò muorte

Tutti — Chi so muorte?

Giacomino — Cicciotte e Niculine, poveri criature sò muorte tutte e due dinte a mi momento.

Monsignore — So muorte ’e cavalle.

Giacomino — Sissignore, sò muorte cu ’a lengua a fora e a vocca aperta!

Monsignore — E poi andato a negarmi il fatto! Chille mò si erano mparate a nun mangià, hanno avuta muri I

Carlo — Allora credete che nun sò muorte pecche stevene diune?

Monsignore — Si capisce! E’ chiaro che nun sò muorte pe chesto! Pecchè si erano abituati, ed era finito tutto! Poi qualche nuova malattia sopraggiunta li ha portati alla tomba.

Contessa — Io ve farria a vuie ’a tomba, pe chello che avete fatte a chelle povere bestie!

Giacomino — Vedite chelle che avite fa, pecchè ’e vulimme fa atterrà, cornine a duo galantuomene.

Monsignore — Si capisce! Penseremo a tutto gli faremo solenni funerali: anzi voglio fare, por la circostanza, un elogio funebre I

Tutti — Pe’ cavalle?

Monsignore — Se li meritano, povere bestie! Sono venuti sempe con me, di giorno di notte, di sera, all’alba... mai uno sgarbo... mai un lamento?

Marchesa — Ma chisto è ciuccio overo. sa!

Contessa — Invece ’e le di tutte ste chiacchiere, era meglio cho ’e dove a magnà, almeno non sarriaoo morti per fame?