Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/36

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
34
monsignor perrelli

Contessa—Ma se isso stesso ha purt,afa ’a lotterà! I0 nu ■ mo credevo che era accussi ciuccio!

Emilia— Voi come fate a fare il Segn: 0 Monsignor»»! c’ è da perdere la testa?

Aurelio — Eppure io mi sono abituat. j; e ll o stramberie che non mi fanno più impressione.! se co levate I

chesto è un gran buono uomo I

Marchese — Tu nco tiene tutta sta pa; za!

Contessa— Io a quanto tiempo I’ avurri m-,iute a chillu I paese!

Giui ia — Intanto te piace ’e ridere.

Contessa — Quanno fa ’e cose curioso mo nce spaaae pure io...

SCENA VII.

Monsignore, Carlo, Salvatore e detti.

Carlo —• Eccolo qua! L’ ho persuaso a salire!

Monsignore (cov cappotto ed cmbrello verde tutto bagnato). Vedete in che stato son ridotto, come puteva veni! Solo D. Cariuccio mi ha persuaso!

Giulia —Monsignore la vostra presenza è sempre desiderata! E poi una volta che siete arrivato fin qui.

Monsignore — Io non vuleva veni, per non bagnarmi.

Contessa — Vuie stato accussi arruvinate, che aviveve l>agnà chiù?

Giulia —Salvatò pigliate sta roba ’e Monsignore, iuiettelo ad asciutta.

Salvatore — Vi servo Eccellenza (toglie mantello cappello, e via).

Giulia —Qui ci sta anche il Marchese e la Marchesa Torrone e la Contessa del Cerriglio.

Monsignore (salutando) — Signora Contessa, Signora Mar chesa... Io poi la tabacchiera la trovai, e ve lo scrissi.

Emilia — Intanto me facisteve sbarià, per un ora. per tutta la casa.

Contessa (piano) — Faccio buono io che quanno me scrive,

io non ’o donche rette.

Marchese — Quanto si curiuse tu? Scrive la lettera e la puorte tu stesso.

Monsignore — Non ho trovato nessuno per mandarla, perchè Giacumino stava occupato co ’e cavalle! ’O guardaporta non so può muovere di sera; per non sembrare uno scostumato con la Baronessa. I’ ho portato io!

Giulia — Ed io vi ringrazio della bontà che avete avuto per me.

Cahlo — A proposito, Monsignò, e cavalle comme statine T

Monsignore — Bene, anzi benone! Nun se movono, min se lamentane, nun fanno niente, jwvere bestie! Sultanto nu poco deboli, ma è una cosa che passerà. Hanno avuta una scossa, ma passata l’impressione finirà tutto.

Marchese — Che fai tu? Non dai a magnà è cavalle?