Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/34

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
32
monsignor perrelli

Carlo — Sputa bene, ogni voncole ’e chesta manera!

Marchesa — Statte zitte tu! Chesta è la nvidia che te f4 parlà.

Contessa — Felice sera Signori; Giulia mia che te poz^ augurà? Cento e cento di queste sorate con tutta sta bella compagnia attuome e a chesta bella figlia un bello matrimonio, cu un giovine bello, ricco e titolato. Che se ne fa nu spiantato ’e chisto che nun tene ne Ciolo a vodè nè terra a cammenà!

Giulia (che le è andato incontro) — Caterina mia ti ringrazio maggiormente, perchè cu stu cattivo tiempo ai pensato a me.

Contessa — Le antiche amiche si rispettano sempe! Nui# simme state in Collegio nzieme, e nce avimmo voluto sempe bene. ’O può di?

Carlo — Questo è un triste ricordo per la baronossa t

Giulia — Vi comme vo prode ’a capa a vuie!

Marchese — E’ paglietta e tanto basta.

Contessa — Uh! ’o paglietta mio! Comme va che avite fatto stu sforzo ’e veni ca stasera Vuio iato sempe appriesso a ’o ballarine e ’a sera state sempe occupato.

Carlo — 0’ mantenuta una mia promessa alla Baronessa, ma doppe vaco a S. Carlo.

Contessa — E che potova manca pe na serata a S. Carlo.

Giulia — Nell’istesso modo comme il Barone, mio marito, nun pò manca pe na serata al Circolo.

Contessa — Chillo pò maritate è giuocatore! E’ nu brutto vizio, pò manna a casa a ruvine.

Carlo — Non credete, Contessa, isso vince sempe, e l’altra sera se pigliaie da me diece pezze!

Aurelio (piano)—E’ na fissazione cu stu fatto, d’ ’e!0 pozze!

Marchese — Io non gioco mai, pecchè ’e denaro miei nun ’o voglio dà a nisciuno.

Contessa — E facite buone! Tale e quale come la honaniina del Conte mio marito! E se è truvate buone pecchè tutte ’e denare suie me ’a lasciaie a me!

Carlo — Tale e quale, come farà il marchese con la moglie.

Marchese — Io ’e lasso alla mia prole perchè io e la marchesa siamo giovani ancora.

Carlo — La Marchesa va bene... ma per la vostra prole lio le mie difficoltà...

Marchese — Oh! vedete che scrianzate, scostumate.

Giulia — Va bene l’avvocato scherza! Ebbè 1’ avete ‘ncui** tato tanto voi prima... e adesso si à presa la rivincita.

SCENA VI.

Salvatore indi Monsignore (di dentro) e detti

Salvatore — Eccellenza abbascio *o purtone nce sta un S’gnoro cho •. maaeata at» lettera, die. ehe a*,».!* risposta.