Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/30

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
28
monsignor perrelli

Carlo — No, fate come io non ce stesse, anzi io ve pozte rendere pure qualche servizio.

Aurelio — D. Cariuccio è cosi buono per noi; è adesso di questo stavamo parlando, ed egli si è offerto a qualunque cosa.

Carlo — E che nc’entra, per noi altri paglietta è un dovere, anzi è la professione che ’o porta.

Beatrice — Allora, giacche siete tanto buono, guardate ae viene mammà, perchè voglio dire due parole ad Aurelio.

Carlo — Perchè, mamma nun sape niente?

Beatrice — ’O sape e nun ’o sape! In certe cose bisogna salvare le apparenze.

Carlo — Insomma apparentemente non deve saperlo; ma po ’o sape e l’approva.

Beatrice — Approva no! Quando poi lo dirà a papà allora poi...

Carlo - Verrà il giorno del giudizio universale! A proposito addò sta papà non vorrei incontrarmi con lui!

Beatrice — E’ andato a giocà stasera, viene notte assai, noi neppure lo sentiamo quando ritorna.

Carlo — Va trova a chi spoglia stasera! L’altra sera da me se pigliaie diece pezze.

Aurelio — Te si fissate pe stu fatte? Che te fanne a te 12 ducati.

Carlo — Non per la moneta, ma p’ ’o currive! Erano!0 pezze nove, nove; a matina me!’ aveva purtate nu cafone pe na causa che io l’aveva vinto. Venette isso, frisco, frisco, e s‘ ’e pezzecaie.

Beatrice — E buon prò le faccia!

Carlo — ’O cancaro! Signuri scusate che v’è padre, marni è uscito!

Beatrice — Vedite si vene mammà e nun ci facite perdere tiempe Carlo (si mette di guardia alla porta a destra) — Vedete la professione di avvocato a che è ridotta!

Aurelio (piano) — Beatri io ho buone spetanzo da darti.

Beatrice — Che avite pigliato ’o temo?

Aurelio — Altro che terno I Noi, col paglietta, abbiamo stabilito un piano che avremo nolle mani il barone tuo padre.

Beatrice — E come ’t come?

Aurelio — Qui sta il segreto. Se lo divulgassi non potrebbe più riuscire il fatto.

Beatrice — Ma io n’aggio sapè qualche cosa.

Aurelio — Tu non devi sapere niente fino al momento opportuno. Devi avere soltanto fiducia in mo, e D. Cariuccio.

Beatrice — Ma ch’aggia fa? E’ cosa difficile!

Aurelio _Vedremo. Per ora non abbiamo deciso niente an

cora- Ti farò sapere tutto per mezzo di lettera.

Carlo (piano) — Sta venenno mammà (si pone fra « dut\ (forti). Dunque baronesaina stavamo parlando del tatto