Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/29

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
27
atto secondo

Aurelio — Il padre non lo sa, non voglia Dio lo sapesse, verrebbe il finimondo. Isso se crede di dare sua figlia ad un nobile, nn titolato...

Carlo — E a mamma?

Aurelio — Finge di non saperlo, ma — come tutte le madri— vede e sta zitto.

Carlo — E per l’avvenire che pienze ’e fa?

Aurelio — Niente!

Carlo — E’ na bella prospettiva 1 Io se avesse fa ammore accussi, murarria doppo tre ghiuome.

Aurelio — Adesso so venute nu poco primme, per avere la soddisfazione ’e parlà a solo a solo con lei.

Carlo — Bella soddisfazione 1

Aurelio — A proposito, ieri che appurasti della Baronessa.

Carlo — Po ’o fatte d’ ’a Bizzoca? È proprio quello che diceva io! Quella munacella è figlia alla bon’ anima di D. Michele Filaccio. Essa è la vera baronessa Filaccio perchè D. Michele era il primogenito.

Aurelio — Siccome è una figlia spuria, cosi non le spetta niente.

Carlo — Non è legittima, ma si potrebbe legittimare, perchè ò saputo che il matrimonio in extremis fu fatto da un prete e quindi è un matrimonio valido, se io pigliar ria sta causa a pettina ’o farria abballa nu poco ’o Barone.

Aurelio — E nun sai chi é stu prete che benedisse il matrimonio?

Carlo — Tengo nu sospetto, ma nun lo so di certo, ma appena ne sarò sicuro facimmo l’opera io e ’o barone.

Aurelio — Io allora andrò peggio, perchè il barone, ché è intrattabile, diverrà un animale addirittura.

Aurelio — E che nce ne preme? noi gl’imporremo le condizioni nostre, e isso adda cala ’a cape. Tu lascia fa ’a me; e tu sai che pe mbruglià, ’a gente sò fatto apposta.

Aurelio — E io che debbo fare?

Carlo — Niente per ora, quando è il momento, tu e D. Beatrice dovete seguire tutte chelle che vi dico io.

Aurelio — Ma, me ha fai spusà?

Carlo — Ne ho tutta la buona intenzione. Io nce tengo nu currive cu chilPuorche, perchè l’altra sera al circolo dei Cavalieri se pigliaie diece pezze.

Aurelio —*E comme s’ ’e pigliaie?

Carlo — Me vincette ’a primera.

SCENA IL Beatrice e detti.

Beatrice (da destra) — Scuseme che t’ aggio fatto aspetta nu poco (ripigliandosi). Ah! non siete solo, nce sta anche il paglietta l