Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/28

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
26
monsignor perrelli

atto secondo

Salotto in Casa delta Baronessa Filaccio, porta in fondo e laterali finestra con cortine (a sinistra, I » quinta, mobilia dorata, candelabri con ceri accesi, due candelabri di argento con cei’i.

SCENA I.

Aurelio, indi Salvatore e Carlo.

Aurelio — Sto da mez’ora aspettando che la signora finisca la sua toletta; e chesta nun s’è spicciata ancora. Ma sono lunghe ’e femmene quanno so ve3tene!

Salvatore (conducendo Carlo) - ll Signor Avvocato, può attendere qua, vado ad avvertire la Baronessa (entra a destra).

Carlo (ad Aurelio) — Comme stai già qui? E che si venute ad appiccia ’e cannele?

Aurelio — Pe me nce sta lo scopo ’e veni, nu poco primme, tu lo sai il perchè; ma per te è una cosa curiosa.

Carlo — Ti dirò: io non voleva mancare alla promessa fatta alla Baronessa, ma non voglio lasciare S. Carlo, e pordere il ballo Nce sta quella Taglione — ’a primma ballerina — che fa cose ’e pazzo

Aurelio — E tu ne sei entusiasta?

Carlo — A me, in generale, mi piace il teatro, ma poi per S. Carlo nce tengo nu debole. La nce sono molti amici, perciò nun manco mai la sera.

Aurelio — Beato te che te puoi diverti, sei solo, non hai pensieri... ’A matina, a ’e doie, finisce ’o Tribunale e vaie facendo ’o vagabondo.

Carlo — Dimme na cosa. Tu sei innamorato sul serio di D.n Beatrice?

Aurelio — Che vuoi? Io amo tanto loi, per quanto odio il padre che ò un usuraio porco.

Carlo — Fammi na finezza, tu comme t’ha spuse?

Aurelio — Non lo so nemmeno io!

Carlo — Non per farti torto, ma tu sei nu segretario a Monsignore, e se Monsignore te ne marino, o more,

che posizione tieni?

Aurelio - Nessun* e questo è qu*Uo che mi «fflig*»

Cablo — ’0 Padre che ne dice »