Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/24

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
22
monsignor perrelli

Filippetto (piano) — D. Baldassà, avite ntiso chillo giovine che à ditto? Olio zi-Monsignore non dà à magna a ni! sciuno?

Baldassarre (piano) — Io, a questo stavo pensando!

Filippetto — Nun sia inai, io mo acunocchio d à tararne!

Baldassarre (piano) —Mo ò chiamino (forte) Buon giovine, venite ccà. scusate na preghiera.

Giacomino — Vulite à mo? Io mi chiamo Giacomino ai vostri comandi I

Baldassarre — Giacomino... voi che siete della casa, come vedo... non so che coaa siete... ma...

Giacomino — lo sono un pò di tutto, e me putite cumannà!

Baldassarre — St’affaro cho avete detto poco primrae, che Monsignore faceva sta digiuno la gente mi à preoccupato un poco!

Filippetto — Noi veniamo da Cicciano, e... dopo quatte ore di sciaraballe, teniamo na brutta famme.. e capite, cu sti cose non si scherza.

Giacomino — Voi che co siete venuto a fa? stiveve tanto bollo fora, aria bona, magna buone, vino meglio... Uh! ve saziaveve e tutte coso. Qua Monsignore vò fa na prova, ’e fa sta diuna ‘a gente, pecchè ’a scuperte che se pò campà senza magna.

Baldassarre — Senza magnà? E ’a vo fa cu nuie ata prova?

Giacomino — So capisco, prinirae ’e furastiero, ’e pò chille d’ à casa.

Filippetto — E a me questo ’o nonno, nun me l’ha detto! Mi ha preso a tradimento! Se sapeva questo non mi sarei mosso dal Seminario.

Baldassarr e — Seh! Là raangie chella papocchia!

Filipketto — Sarà papocchia ma se magne, qui dobbiamo star digiuni. Turuammuncenne n’ auta vota a Cicciano.

Baldassarre — E commo facciamo un’altra volta quatt’ore di sciaraballe senza magnà; è impossibile.

Filippetto — Mangiammo dinte a na taverna.

Baldassarre — E se io pago ’o sciaraballe, nun me restene donare pe magnà.

Filippetto — Nce faoirame dà nu poco ’e pane a zi Monsignore.

Giacomino — Chi v’ ’o dal Acqua, quante ne vulite. Cachi vò magna ’a dà ve vere.

Filippetto — Comme ci sono capitate.., Pe causa d’ ’o ter* ramoto aggio passato chisto guaio!

Baldassarre — E io che sono di una età cho non posso resistere al digiuno?

Giacomino — Avite fa ’o trapasse fino a dimane che arrivate a ’o paose.

Filippetto (con segni d’impazienza) — Oh! me vene n’ ar raggio cho mo mettarria ’a strilla comme a nu pazze.

Baldassarre — Pazienza e rassegnazione, figlio* niio!