Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/23

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
21
atto primo

Giacomino — Monsignò, che ’a vuliveve fa durà ancora?

Aurelio — Monsignore vuol dire che non si è ripetuta.

Baldassarre -- A Cicciano è venuta a notizia cho se n’era caduta meza Napule, figuratevi lo spavento.

Filippetto — Il nonno e ’a nonna se sò puoste paura assai I

Monsignore — Mi dispiace pe chilli poveri vecchiarielle!

BALDASSAPRE — Mi hanno fatto andare ieri a prendere ’o piccerillo dal Seminario a Nola, ’e stamattina di notte ci hanno fatto partire.

Filippetto — Hanno mandato pure a me, per assicurarmi, se voi stavate bone.

Monsignore — Quanto sò affezionati sti genitori miei. Ed è naturale, perchè se io mureva, se perdeva nu grand ’ uomo!

Filippetto — Zi Monsignò! scusate, sò state assettate quattr’ ore ncoppa à nu sciaraballe, vorrei riposarmi un poco!

Baldassarre — Anche io sto strapazzato; ma non osava dirvelo.

Monsignore — Adesso penseremo a tutto! Nu poco ’e pacietiza. Giacutni, ’o vide a chisto? Questo è mio nipote, figlio a mio fratello Gregorio. Quest’ è il mio successore... Questo è destinato ad essero 1’ altro Monsignor Perrelli.

GtiacomiNo — Sperammo ch’appassa à vuie!

Monsignore — No! Alla mia dottrina non può arrivare 1 Perché mo nun si studia come si studiava ai miei tem pi; ma il Monsignorato gli spotta perchè è dritto di famiglia.

Baldassarre — E voi pure Filippo vi chiamate?

Monsignore —Filippo è il mio quarto nome, perchè io nella mia fedo di nascita no tengo 17.

Giacomino - Cu salute!

Monsignore — ’E vulito senti tutt’ ’e diciassette?

Baldassarre — Me li direte a poco por volta, tre o quattro al giorno.

Monsignore _Però io nii firmo sompre Filippo, per rispettare la memoria di Filippo seniore, mio zio.

Baldassarre — Anch’egli era di Cicciano?

Monsignore — Non signore egli era napoletano come me!

Io sono nato il 4 agosto 1771.

Halda&sarre — Ah! avete 51 anni, o li portate bene!

Giacomino — Pecchesto isso pò campà fino a 200 anno pecche magna buone! All’aute nun ’e vò dà a magnà.

Monsignore — Nun ò state a senti pecchù è fissato per questo |... D. Aure facitome nu piacere, fateme subito, na lettera a papà por rassicurarlo che io sto bene. Voi ve ne

^ amiate presto?

Ai*Dasmarke — Dipende dalle circostanze! Ve lo faremo

    • pére!

°HmaN0HK _ vat|0 a disporre ogni cosa, mo nce ve & ‘ (via in fritta e poi torna).

’a**#aurk — (Cbisto ò un fatto serio, che ccà nun se ’0