Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/19

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
17
atto primo

Giulia — Per una serata potete faro una eccezione.

Monsignore — Sentite non ve lo prometto certo. Ma se il tempo è buono mi procurerò il piacere di stare in vostra compagnia.

Giulia — Beatri... togliamo l’incomodo a Monsignore... si fa tardi, e Monsignore deve mangia.

Monsignore — Per mo potete resti. avete inteso che Marianella, nun è pronta ancora.

Giulia — Ancho per noi è tardi... perchè mio marito tene la stessa abitudine vostra, vo’ rnangià presto!

Monsignore — A n’auto poco finisco per tutti, perchè nce levammo stu vizio d’ ’o mangià; ed a me faranno na statua!

Beatrice — Vi bacio le mani (esegue).

Giulia —Dunque, Monsignò, nce vedimmo, senza meno, vi aspetto! (bacia la mano).

Monsignore — Non ve lo prometto corto, dipende dal tempo. Benedetta... figlia mia... benedetta!...

Carlo — Profitto dell’occasione, ed accompagno ’a baronessa pecchè debbo sapere certe notizie da lei... Monsignore (bacia la mano) Segreta, stateve bene.

Monsignore — Santo figlio mio, sauto!... Giacomi, fa gli onori di casa, accompagna sti signori...

Giacomino — Vi servo subito, Eccellenza 1 (via in fondo con gli altri esce; pure Monsignore e torna).

Aurelio — Non ò potuto sapè altro d’ ’o paglietta, ma l’affare d* ’a bizzoca mi ha sorpreso; e Monsignore la tene comme a na santa!

SCENA VII.

Ortensia, Cecilia e detti.

Ortensia — Mo che se no so ghiute tutte quante, putimmo vasè a mane a Monsignore?

Aurelio —E’ andato un momento fuori ad accompagni le signore.

Monsignore (ritorna solo) — Oh! e clieste addo’ so asciute?

Ortensia — Nuie stammo ccà, a stammatine, steveme dinte a cucina a spiccia ’o pranzo pe vostra Eccellenza. Chesta è Cecilia ’a neputella mia, ’a vedite comme s è fatta bella!

Cecilia (piano) — Zi-zi nun ’o dicite che mo facite fa rossa

rossa p’ ’o scuorno.

Monsignore (siede) — Viene a ca’, figlia mia, lasciamiti vedere nu poco da vicine.

Ortensia — ‘A vedite, se mette scuorno! ò scurnosa comme a me quanne era figliola!

Aurelio — (All’arma d’ ’a scurnosa).

Ortensia — Cici va a vasà a mano ’a Monsignore! Mo nce a va*» priinme io, e po nce ’a vaso tu {esegue) Chella >i imo’ ’o vede fa a me, nuu’ ’o fa enaa. (Cecilia bacia la mano),